fbpx
LettureLifeStyleNews in evidenza

L’assedio: presentato al chiostro di via Crociferi libro su Giovanni Falcone

L’isolamento dei magistrati onesti aiuta la mafia e qualche volta, come è accaduto a Giovanni Falcone, rappresenta il primo via libera per la loro condanna a morte.

Ha catturato l’attenzione di cittadini, rappresentanti istituzionali e addetti ai lavori l’iniziativa “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, 25 anni dopo, fra memoria ed attualità” organizzata dalla Cgil di Catania e da “AREA Democratica per la Giustizia“.

Nel chiostro di via Crociferi è stato presentato il libro L’assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone (Einaudi) di Giovanni Bianconi. Oltre all’autore, giornalista del Corriere della Sera, sono intervenuti il procuratore generale presso la Corte di appello di Roma, Giovanni Salvi, Pina Palella, segretario confederale della Cgil di Catania, e Fabio Regolo, coordinatore “AREA Democratica per la Giustizia” di Catania.

Presenti, tra gli altri, anche il segretario generale Cgil Giacomo Rota, il sindaco Enzo Bianco, il prefetto Silvana Riccio. Tra il pubblico anche il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro.

Per l’occasione è stato proiettato un video che ha ripercorso le fasi salienti del periodo precedente le stragi.

«Questo libro racconta la storia di un progressivo isolamento, ma anche la dolorosa percezione di esso da parte di Giovanni Falcone, e la consapevolezza della sua condanna a morte – ha detto Giovanni Salvi – e ci consegna una lezione: la memoria è necessaria, ma deve essere accompagnata dalla consapevolezza. Falcone e Borsellino in realtà non erano isolati, ma lo divennero, anche da parte di un establishment di cui faceva parte pure la magistratura che non seppe comprendere sino in fondo. Questo è il nostro dovere di oggi».

Per l’autore del libro, il giornalista Bianconi: «È stato giusto ripercorrere in maniera critica il percorso professionale di Giovanni Falcone, soprattutto la parte finale che fu la più complicata e che inizia dal maxi-processo in poi».

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button