fbpx
Senza categoriaSport

L’Acireale si complica la vita, ma vince: successo per 2-3 sulla FC Messina

Fatica più del previsto l’Acireale che nell’anticipo della 20^ giornata del campionato di Eccellenza girone B supera per 2-3 il Forza Calcio Messina. La partita, giocata ieri pomeriggio al campo sportivo “Nicola Bonanno” di Messina, ha visto una sorta di mezzo testacoda fra la citata squadra locale terz’ultima e l’Acireale, la quale occupa la stessa posizione in classifica, ma nella versione contraria.

La contesa ha visto un Acireale che complessivamente merita di vincere per quanto espresso nel corso dei novanta minuti; era infatti notevole ed evidente la superiorità tecnica della compagine granata al cospetto di una Fc Messina volenterosa, giovane e battagliera, la quale allo stesso tempo ha pagato un indiscutibile handicap per quanto riguarda l’esperienza nei momenti topici della gara. L’Acireale domina a larghi tratti la contesa, ma si complica maledettamente la vita dato che avrebbe potuto vincere con una maggiore tranquillità, soprattutto se si considera che il pareggio per 2-2 ad inizio ripresa della Fc Messina è stato favorito da un banale errore difensivo dei granata.

Prima della consueta cronaca bisogna sottolineare che l’incontro, il quale si è disputato a porte chiuse, ha visto il proprio svolgimento in un impianto sportivo per nulla sicuro sia per gli atleti che per quei pochi spettatori presenti (per lo più parenti dei giocatori, dirigenti di entrambe le società e giornalisti): basti pensare ai muri di cemento armato dietro le porte e non coperti da opportuni materassi di protezione o alla mancanza di tribune, con i presenti che sono stati costretti ad assistere alla partita in piedi in mezzo alle erbacce di una collina circostante. Insomma, tutte condizioni non degne di una struttura sportiva di un paese civile.

Primo tempo L’Acireale approccia benissimo all’impegno ed i granata scendono in campo con il chiaro intendo di trovare subito il vantaggio. Già al 2′ gli acesi segnano con Zappalà di testa, ma l’arbitro annulla la rete per un presunto e discutibile fallo del difensore granata. Tuttavia, l’Acireale non molla ed al 9′ sfiora il vantaggio, ma Cocimano da breve distanza spara clamorosamente alto. Dopo un brutto quarto d’ora di sofferenza, la FC Messina trova in maniera episodica il vantaggio: il numero dieci di casa Platania da fuori area lascia partire un violento tiro di destro che si va ad insaccare all’incrocio dei pali. Messinesi avanti 1-0 e tutto da rifare per un Acireale che comunque continua a spingere sull’acceleratore. Al 26′ Cocuzza non inquadra la porta su assist di Conti, mentre al 29′ Caputa viene atterrato in area di rigore, ma l’arbitro lascia correre. Passa un minuto ed ecco il pareggio dell’Acireale; dal vertice sinistro dell’area di rigore, Conti pesca Cocimano che con un preciso colpo di testa segna l’1-1. L’Acireale è padrone del campo e già al 34′ i granata firmano il punto del sorpasso: Contino verticalizza bene per Caputa, il quale con grande rapidità si invola palla al piede verso la porta avversaria e supera con un tiro di destro il portiere in uscita per l’1-2. L’Acireale passa così in vantaggio, ma l’FC Messina si fa vedere in avanti con Brigandì che spedisce la sfera alta sulla traversa. Si va così al riposo sull’1-2 per l’Acireale.

Secondo tempo L’Acireale rientra in campo per chiudere la partita ed al 51′ i granata costruiscono e sprecano l’occasione giusta per 1-3; ancora Conti, uno dei migliori in campo, fornisce un assist a Contino che impegna il portiere locale in una respinta. In una delle sue poche scorribande offensive, l’Fc Messina  guadagna campo, alza il baricentro ed a sorpresa segna il 2-2 grazie anche ad un errore di posizionamento della difesa acese; su cross dalla destra del terzino Manzella, la retroguardia viene tagliata in due ed il centravanti Brigandì in totale solitudine di testa sigla il pareggio. Incassato il colpo, l’Acireale riprende subito a macinare gioco e per lungo tempo chiude i messinesi nella propria metà campo; quello acese ha le dimensioni di un vero e proprio assalto alla ricerca del nuovo vantaggio, ma i granata sono poco brillanti in fase di concretizzazione delle occasioni costruite. Al 66′ Cocimano di testa manda fuori una sponda di Cocuzza sugli sviluppi di una punizione di Conti, mentre al 69′ sempre lo stesso numero otto granata con un tiro dal limite impegna Mazzullo in una parata terra. Passano due minuti e l’Acireale colpisce una traversa: su calcio d’angolo battuto da Conti, Cocimano svetta più in alto di tutti, ma di testa colpisce la traversa piena. L’FC Messina non lascia spazi e l’Acireale cerca il gol con tiri da fuori area; a tal proposito il neoentrato Gatto al 77′ ed all’80’ di poco non inquadra la porta in entrambe le occasioni. L’FC Messina cerca di resistere in tutti i modi per portare a casa un pareggio insperato, ma all’83’ l’Acireale sfonda il muro difensivo avversario per il 2-3; sugli sviluppi di una punizione dalla destra calciata da Conti, Zappalà con un’incornata trafigge Mazzullo, il quale per l’occasione si dimostra molto incerto. Segnato il nuovo vantaggio, l’Acireale bada a gestire la contesa, ma all’88’ i granata rischiano di subire un beffardo 3-3; con una provvidenziale uscita su un cross di D’Angelo, Arcoria anticipa Di Bella che era pronto a battere a rete. Il finale regala qualche brivido dovuto ad un paio di mischie con batti e ribatti in area acese, ma l’Acireale ne esce indenne. I granata, pur complicandosi un po la vita e sudando più del dovuto, vincono sulla FC Messina ed incamerano altri tre punti importanti per restare in scia della capolista Igea Virtus.

Tabellino

FC Messina-Acireale 2-3 (1-2 al primo tempo)

FC Messina (4-4-2): Mazzullo, Manzella, Scipilliti, D’Angelo, Broccio, Alibrandi, Mamone (78’Di Bella), Longo, Brigandì,  Platania, Adelfio. In panchina: D’Urso, Mandanici, Affè, Crispo, Lefalo, D’Arenzo. Allenatore: Naccari.

Acireale (4-3-3): Arcoria, Cacciola, Vittorio (57’Santitto), Arena, Zappalà, Cocuzza, Caputa (80’D’Emanuele), Conti, Contino, Cocimano, Godino (73’Gatto). In panchina: Di Benedetto, Tosto, Franchina, Bellino. Allenatore: Raciti.

Marcatori: 18′ Platania (FC), 30′ Cocimano, 34′ Caputa (Aci). 56′ Brigandì (FC). 83′ Zappalà (Aci).

Arbitro: Inzerrillo di Palermo. Assistenti: Alizzi e Chillemi, entrambi di Barcellona Pozzo di Gotto.

Note: ammoniti: Manzella, Broccio, Alibrandi, Longo e Adelfio (FC). Cacciola, Vittorio, Conti e D’Emanuele (Aci). Calci d’angolo: 0-4 per l’Acireale. Spettatori: gara a porte chiuse.

Fonte foto: pagina facebook ufficiale dell’Acireale Calcio.

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi Anche
Close
Back to top button