fbpx
Eventi

La tragedia Eracle si reinventa in chiave moderna in scena al Cortile Platamone

La tragedia di Euripide, “Eracle”, prende spunti dall’attualità nelle scene del regista Salvatore Guglielmino per la seconda edizione della rassegna “Mitoff”, in scena a Catania. 

Dopo il debutto a Noto, sarà il palco del Cortile Platamone venerdì 28 agosto ore 21:30, nell’ambito della rassegna Catania SummerFest, ad accogliere Salvatore Guglielmino nelle vesti del protagonista.  Il regista riproporrà una rilettura attenta dell’opera in chiave moderna,  dove le anime dei personaggi racconteranno i propri sentimenti per una messa in scena dal grande impatto emotivo.

«I testi del passato ci aiutano a comprendere la nostra attualità.- dichiara Salvatore Guglielmino- Si esamina la durezza della situazione umana facendo emergere un dialogo interiore con il divino. Un dialogo su cui si sviluppa tutto il dramma psicologico dove il teatro si mischia con l’amore e la morte.  Questo mix da vita ad uno spettacolo che dai miti del passato, su cui nei secoli si è basata la nostra società. Nasce così un nuovo modo di narrare e concepire le tragedie classiche».

Euripide propone dunque una visione decisamente problematica dell’uomo e dei complessi rapporti con la divinità. Un taglio che Guglielmino racconta in un dramma psicologico affrontando la tematica del suicidio vista dal protagonista come unica strada per salvare la propria dignità.

«Il primo personaggio ad entrare in scena, interpretato da Santi Consoli, è Anfitrione, padre dell’eroe Eracle. Anfitrione direttamente al pubblico, narrando gli sfortunati eventi che stanno affliggendo Tebe. L’attrice Marta Limoli sarà l’unica protagonista femminile in scena per una tragedia classica estremamente attuale e da riscoprire», conclude Guglielmino

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker