fbpx
IntervisteMusica

La “Strada” di Zooka è la sua occasione di riscatto. L’intervista

Il grigio dei palazzi, il ronzio della macchinetta per tatuaggi, l’inchiostro e gli schiaffi. “Strada” è il nuovo singolo del giovane rapper catanese Zooka, nome d’arte di Manuel Cottonaro.

Il rapporto con Catania è uno dei punti di forza dell’artista, da sempre simbolo degli emergenti della città. La sua  musica è senza orpelli, cruda e fredda come la strada tema centrale del suo nuovo pezzo.

«Il progetto si chiama “Strada” che in questo caso è usata come parola polisemica -sottolinea Zooka- per me si riferisce alla strada del mio quartiere, San Giovanni Galermo protagonista del mio singolo più famoso. Ma soprattutto si ricollega alla strada della mia carriera, i miei sei anni di musica. Il cammino è stato pieno di difficoltà. Ma adesso le cose sono cambiate: sono riuscito a prendermi la mia rivincita contro il mondo».

The power of “catanese”

Zooka, classe 2000, è tra i veterani del rap in catanese, un dialetto che paragona per espressività alla sua musica.

«Il mio è un lavoro sviluppatosi in maniera totalmente spontanea. La base è il prodotto da Lonegud e Nry, i beatmaker che hanno realizzato il mio album 95123. Cercavo un suono che si avvicinasse molto al rap ma con marcate influenze dalla trap: volevo mescolare le melodie».

«Il testo -prosegue l’artista- è crudo come molti dei miei pezzi. Proprio per enfatizzare questo tono aspro ho scelto di cantare in catanese. Sono del parere che adoperando il dialetto questi temi assumono la sfumatura giusta, risultano più incisivi all’orecchio dell’ascoltatore. Posso esprimermi nei testi davvero solo in catanese. Ha il potere di sottolineare che ciò che dico è  reale e vero. Un testo caotico ma che racchiude al meglio un argomento significativo per me».

L’abuso di potere tra le mille difficoltà delle strada

Proprio la strada tanto cantata da Zooka è spesso lo sfondo di un crudele abuso di potere, come quello che nelle ultime settimane ha indignato il mondo: la morte di George Floyd. La famosissima scena, divenuta virale sul web del poliziotto che preme con il ginocchio sul collo dell’afroamericano è catturata dal rapper catanese nel video di “Strada”.

«Adesso le persone sanno cosa significare stare in strada, viverla davvero in tutta la sua complessità. Ho voluto inserire un argomento di critica sociale come l’abuso di potere perpetrata da chi, invece di farci del male, dovrebbe proteggerci.  La sicurezza che chiedono i cittadini non viene data perché vige l’abuso di potere. Purtroppo non c’è solo in America, ma in tutto il mondo. Vorrei che le persone prendessero davvero consapevolezza di ciò che stiamo vivendo».

La strada con gli occhi di Zooka non ha solo il sapore della rivalsa: suona di ingiustizie, di vita vera.

GUARDA IL VIDEO

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker