fbpx
Primo PianoSanitá

La Sicilia resta “a corto” di Pfizer: vaccini rimandati a giugno

Stava procedendo tutto così bene. La Sicilia, dal fondo della classifica nazionale si era ripresa grazie alle tante iniziative messe in atto dalla Regione al fine di imprimere lo sprint necessario alla campagna vaccinale.

Ma una nuova minaccia incombe sul successo delle vaccinazioni: le dosi di Pfizer sono esaurite. La Regione rassicura che il problema è solo temporaneo e che la nuova fornitura di 168mila fiale arriverà già domani e dunque, passato il tempo necessario per distribuirle tra le province, sarà possibile riprendere con le vaccinazioni al più presto.

Al momento si registrano disagi in Fiera a Palermo dove un centinaio di persone hanno dovuto rimandare il vaccino. Situazione analoga anche a Messina dove, addirittura, sarebbero 500 gli appuntamenti rinviati.

La situazione non migliora a Catania: «C’è un problema di disponibilità di dosi Pfizer e questo sta creando alcuni disagi negli hub vaccinali -spiega Pino Alberti commissario per l’emergenza Covid dell’Area metropolitana di Catania- Siamo costretti a rimandare indietro alcune persone. Di questo ce ne scusiamo, ma dal 3 giugno ritornerà tutto alla normalità».

«Il problema – sottolinea Liberti – è legato essenzialmente a quanti, non riuscendo a prenotarsi attraverso il portale gestito da Poste Italiane, hanno scritto una mail a [email protected] oppure seguito un iter diverso per la prenotazione, ad esempio attraverso l’invio di un sms se soggetti con patologie. Fino ad ora si è riusciti a inserire anche loro, garantendo la somministrazione a tutti. Da qualche giorno, però, abbiamo dovuto rimandare indietro alcune persone, e potrà accadere anche nei prossimi giorni. Questo per poter garantire le seconde dosi e assicurare la somministrazione ai prenotati attraverso il portale».

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button