fbpx
CronacheFoodPrimo Piano

La “Provola dei Nebrodi” diventa DOP

La Sicilia si fa avanti come eccellenza nel mondo del food: entra nel registro delle Denominazioni di origine protette anche la “Provola dei Nebrodi”

«Un plauso va certamente a tutti gli allevatori, produttori e alle donne che si sono impegnate nella trasformazione. – afferma l’assessore Bandiera – hanno creduto in questo progetto e creato le condizioni affinché venisse raggiunto».

Sale pertanto a 33 il numero delle Dop/Igp siciliane nel food. Cinque è il numero dei formaggi iscritti: la provola dei Nebrodi si aggiunge a Ragusano, Pecorino siciliano, Vastedda della Valle del Belice; Piacentinu ennese.

Tra food e wine, la Sicilia vanta numeri da record, con ben 64 prodotti a marchio di qualità

Espressa grande soddisfazione da parte dell’assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera: «Traguardo importante. Premiata ancora una volta la qualità in Sicilia. Sprone soprattutto per i tanti giovani che, in questi anni, abbiamo avviato in agricoltura. Adesso scatta la scommessa sulle produzioni regionali».

La provola dei Nebrodi, si legge nel disciplinare, si presenta nei tipi: fresca, semi-stagionata, stagionata, sfoglia e con limone verde. Può essere commercializzata in forma intera, porzionata e se stagionata anche grattugiata, e abbraccia 47 Comuni di tre province, Enna, Catania e soprattutto Messina (con ben 39 enti locali coinvolti).

Grande apprezzamento espresso anche dall’assessore delle Autonomie locali, Bernardette Grasso, esponente del territorio nebrodense: «Un passo avanti nel cammino intrapreso, da tempo, per la promozione del territorio e la valorizzazione delle produzioni locali».

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker