fbpx
CronacheNews

La morte della piccola Nicole e lo scaricabarile della politica

Come mai a Messina e Palermo è stato attivato lo Sten (Servizio di Trasporto Emergenze Neonatali), mentre nel bacino Catania, Ragusa, Siracusa, ad oggi non è stato ancora attivato? L’assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino che ha annunciato le dimissioni, secondo quanto disposto dal decreto del 2012, dovrebbe verificare ogni sei mesi gli adempimenti richiesti ai direttori generali sui punti nascita. E’ stato fatto? E’ stato verificato che tutte le Utin/Punti nascita fossero dotate dei protocolli operativi per il trasporto dei neonati in urgenza?

“Oggi ciascuno deve assumersi le responsabilità – commentano dall’Anaoo Assomed -, a tutti i livelli: Il presidente della Regione, Rosario Crocetta: prima colpisce i medici, poi si ”accorge” dell’assenza di UTIN nelle strutture private; lancia strali su queste, e inta il ministro alla Sanità, Beatrice Lorenzin, a intervenire sulla normativa. Il presidente della VI Commissione dell’ARS, Giuseppe Digiacomo: chiede una severa analisi delle case di cura convenzionate per dare un ”segnale immediato”. Il presidente dell’Aiop Sicilia (Associazione Italiana Ospedalità Privata), Barbara Cittadini, chiede di ridisegnare la rete Utin ma l’unica risposta che riceve dall’amministrazione regionale è che tale rete è ”già satura”. L’Anaao Assomed censura l’atteggiamento di una classe politica che a tutt’oggi non riesce a far decollare il riordino della sanità siciliana ma, anzi, ne sta determinando il definitivo crollo”.

 

Lo sfogo della mamma su facebook

L’Assessore Borsellino annuncia le dimissioni

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker