fbpx
CronacheNewsPrimo Piano

La fine di Monalisa Contact e la profezia di Nostradamus

Domani il call center chiude battenti. Strane assunzioni da parte del vicino di casa Just One

La fine di Monalisa Contact è stata sempre avvolta nel giallo, che pian piano pare si stia svelando. I giochi “sporchi” dietro la chiusura aziendale, che avverrà domani 31 luglio, e tanto paventati da molti dipendenti, stanno emergendo in modo prepotente. I lavoratori hanno sempre pensato che Monalisa Contact chiudesse per riaprire con un’altra identità societaria e assumere “chi vogliono loro” con contratti a non tempo indeterminato ma con i Cocopro.

Monalisa Contact chiude

Questa ipotesi si sta avverando e come una delle profezie di Nostradamus in modo identico a quanto preventivato dagli stessi lavoratori. Giorno 26 luglio, in un nostro articolo, avevamo preannunciato della presenza di un call center, pronto ad assorbire parte dei licenziati del 31 luglio del 2019. Cioè quelli che domani cesseranno la loro attività lavorativa per chiusura aziendale. Oggi arrivano le conferme di quello predetto giorni fa. Stamattina una parte dei lavoratori della Monalisa Contact, si presenta a lavoro ben vestita, diciamo anche in modo inusualmente elegante.

Solo ad alcuni proposto il lavoro a progetto

Questi, durante l’orario lavorativo, escono da via Sabin n°1, sede della Monalisa Contact, e dopo aver percorso 30 metri di strada si recano in via Milicia 10, la sede di Just One, un call center in cerca di lavoratori. Perché questi dipendenti vanno presso la sede di questa ditta? A fare un colloquio. Fin qua nulla di strano. La tua azienda chiude e cerchi lavoro altrove. Le casualità cominciano quando si viene a sapere che a tali colloqui è presente lo statista della Monalisa Contact Damiano Fabiano. Chi è andato stamattina a cercare nuove fortune lavorative, inoltre era stato informato prima, ed è per questo che si è presentato oggi a lavoro vestito inusualmente elegante.

La proposta Just One

Durante la mattinata le voci si susseguono e si scopre che il team leader della Monalisa Contact è già bello che sistemato nella nuova azienda, la Just One, con un contratto a tempo indeterminato. Con lui i tutor di Monalisa Contact, che Just One pare abbia assunto a tempo determinato  Per gli altri lavoratori della morente Monalisa Contact, che il nuovo call center ha deciso di contattare, invece un contratto Cocopro. Per tutti la promessa di una stabilizzazione in un prossimo futuro.

La fine di Monalisa Contact e le strane coincidenze del nuovo call center

Sembrerebbe tutto apposto. Una ditta chiude, un’altra interviene e assorbe parte dei lavoratori. Ma ci sono delle strane coincidenze. Notiamo infatti che la Just One, oltre che essere stranamente vicini di casa della Monalisa Contact, che per altro opera nello stesso capannone del Gruppo Aura, da cui ha avuto il subappalto della commessa Vodafone, ha sedi anche a Bronte, Comune dove ha sede anche la Brontel Srl. La ditta che con la Zefiro call aveva la stessa partita Iva, sempre inattiva e stranamente aperta nel 2017, in un momento di crisi della Monalisa Contact. Stranamente, ma immaginiamo solo per puro caso, la Just One ha una sede pure a Roma, come la Zefiro call. Le stranezze finiscono qua. La certezza è una che i 60 licenziati del 21 giugno di Monalisa Contact non sono stati contattati dal nuovo call center. Qui altro giallo che ancora risulta irrisolto. Chiudiamo con una supposizione: non è che Just One avrà in subappalto la stesso o grossa parte della commessa di Monalisa Contact quella Vodafone?

Mostra di più

Salvatore Giuffrida

Classe 70. Giornalista per passione ma nella vita passata chimico e topo di laboratorio. Un buon vino ed un piatto tipico sono sempre ben accetti. Per gli animali un amore sconfinato.
Leggi Anche
Close
Back to top button