fbpx
CronacheNews

La faccia di Calamandrei

Una bella scelta, quella della Cgil di Catania: il volto di Piero Calamandrei nella locandina dell’assemblea sul referendum. Un’immagine in bianco e nero che richiama, però, modernità.

“Una scelta chiara, radici e futuro assieme” spiega Giacomo Rota, segretario generale della Cgil catanese, che il 14 novembre, introdurrà l’iniziativa “Perché No”, dedicata al tema del referendum costituzionale, anche attraverso cenni storici sulla Costituente. “Fu una grande stagione che vide tutti assieme, partiti e sensibilità politiche diversissime tra loro, costruire le fondamenta della Repubblica. Ed è questo, innanzitutto, che è mancato a questa riforma: lo spirito del ’48. Una riforma costituzionale di questa portata dovrebbe essere il più condivisa possibile. Queste le nostre perplessità al netto delle questioni di merito su cui siamo profondamente critici e che approfondiremo nel corso dell’assemblea”. 

E sulle questioni di merito si soffermeranno anche gli altri interventi. A partire dalla relazione di Pina Palella, della segreteria provinciale Cgil: “vogliamo contribuire a dare strumenti di comprensione di una riforma pasticciata e complicata. Per questo analizzeremo i vari punti anche grazie al contributo di studiosi e sindacalisti”, dice Palella.  Come il professor Emilio Castorina, costituzionalista, o Mimma Argurio, o il segretario nazionale della Cgil, Danilo Barbi che concluderà l’assemblea. Previsto anche un intervento del sottoscritto, un focus sulle modifiche al Titolo V.

Sarà una bella occasione per capire le ragioni del No. L’assemblea, che si tiene dalle 10 del 14 novembre a Palazzo dei Chierici (piazza Duomo, è aperta alla cittadinanza. Altra bella scelta del sindacato.

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button