fbpx
NewsSport

Matera-Catania 0-0. Pari d’oro strappato con le unghie e con i denti


Si conclude 0-0 l’atteso posticipo della 5a giornata del campionato di Lega Pro girone C tra Matera e Catania. Punto che vale tanto, tantissimo per la squadra rossazzurra più che per la classifica per il morale visto come è maturato.

Nella prima frazione di gioco gli uomini di Rigoli sono apparsi in netta difficoltà, centrocampo in affanno, difesa sotto attacco perenne dei lucani che hanno sfiorato il gol in più di un’occasione. Al 20′ clamoroso l’errore di Negro a tu per tu con Pisseri, graziato nell’occasione. Prima dello scadere della prima frazione di gioco su un errato disimpegno della mediana rossazzurra Negro si invola ma viene steso da Djordjevic all’altezza della linea che delimita l’area di rigore, nell’occasione l’arbitro assegna tra le polemiche dei padroni di casa calcio di punizione dal limite e ammonisce il terzino etneo. Primo tempo pessimo, squadra schiacciata nella propria metà campo in balia degli avversari che avrebbero meritato il vantaggio per quanto visto nei primi 45 minuti di gioco.
Si riparte senza cambi nella ripresa. Gli etnei alzano finalmente il baricentro e gli effetti sono immediati,  la pressione degli avversari si riduce.
Al 60′ Rigoli si gioca la carta Di Grazia che sostituisce Silva autore di una prova da dimenticare. Poco minuti e il Catania resta in dieci, espulso Djordjevic per doppia ammonizione. Nell’occasione grossa ingenuità del terzino rossazzurro. I padroni di casa galvanizzati dalla superiorità numerica tornano a spingere il piede sull’acceleratore
e si rendono pericolosissimi al 69′ con la palla che danza pericolosamente a un metro dalla linea di porta.
Al 75′ Pino Rigoli completa i cambi regalando l’esordio con la maglia del Catania ad Anastasi che prende il posto di Russotto, Di Cecco quello di Paolucci.
Al 78′ Infantino pescato da solo in area di rigore grazia di testa Pisseri che blocca senza difficoltà.
All’84’ arriva il rigore per i lucani, Iannini mette un pallone con il conta giri in area di rigore, Pisseri sbaglia l’uscita ed è calcio di rigore. Dagli undici metri Infatino colpisce il palo, l’estremo difensore degli etnei si trovava in traiettoria.
Dopo quattro minuti di recupero termina il match con il risultato di 0-0.
Catania sicuramente da rivedere, approccio alla gara da dimenticare, da salvare soltanto il risultato e la forza di volontà mostrata dopo l’inferiorità numerica. Serve il salto di qualità.
Il migliore tra gli etnei è Fornito sempre ordinato con la palla tra i piedi, conferme negative per il fronte d’attacco che non ha mai impensierito Bifulco girando costantemente a vuoto.

MATERA (3-4-3) 1 Bifulco; 3 Mattera, 5 De Franco, 28 Ingrosso; 23 Di Lorenzo, 21 Armellino, 8 Iannini, 27 Casoli; 20 Carretta (dal 34′ Sartore), 9 Infantino, 29 Negro. A disp. 12 D’Egidio, 13 Meola, 7 Louzada, 4 De Rose, 10 Strambelli, 6 Piccinni, 17 Taccogna, 2 Scognamillo. All. Auteri.

CATANIA (4-3-3) 12 Pisseri; 2 Nava, 6 Gil, 16 Bastrini, 20 Djordjevic; 27 Biagianti, 5 Scoppa, 8 Silva (dal 59′ Di Grazia); 10 Russotto, 9 Paolucci, 21 Fornito. A disp. 1 Martinez, 15 Mbodj, 13 De Santis, 24 Di Cecco, 19 Anastasi, 11 Barisic, 7 Calil, 14 Piscitella. All. Rigoli.

ARBITRO: Paolini della sezione di Ascoli Piceno

AMMONITI: Djordjevic

Classifica Catania offerta da Livescore.it

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button