fbpx
Primo PianoTecnologia

La bufala dell’algoritmo corre su Facebook. E i webeti ci cascano

Tutto è iniziato ieri, giornata di lutto nazionale per i fatti di Genova. Circostanza, questa, che non ha dissuaso i webeti dal rendere virale la bufala dell’algoritmo.

Anche a Catania questa nuova catena di Sant’Antonio si è diffusa alla rapidità della luce. A cadere nella trappola anche noti esponenti politici, soprattutto di area piddina che – guarda caso – nei giorni scorsi, con le parole di Matteo Orfini e Maurizio Martina, avevano annunciato la crociata contro le fake news. Solo che i “crociati piddini”, anziché contrastarle, le bufale e le fake news le hanno diffuse come quella, appunto, dell’algoritmo.

Diversi gli esponenti della politica locale e regionale ad avere condiviso il post. Ma anche docenti universitari e intellettuali che, una volta informati della bufala, sono corsi ai ripari cancellando quanto avevano contribuito a diffondere.

Ora. A parte che il messaggio sembra essere scritto in un linguaggio cripto-italiano, forse addirittura frutto di traduzione automatica. Non sarebbe il caso, prima di diffondere un testo, leggerlo e capirne il senso?

Il post incriminato

“Funziona!! Ho un nuovo thread. Vedo post di persone che non vedo da anni.
Ecco come aggirare il sistema fb ora istituito che limita i post sulla tua sezione notizie.
Il loro nuovo algoritmo sceglie le stesse persone – circa 25 – che leggerà i tuoi post.

Di conseguenza,
Abbassa il dito ovunque in questo post e “Copia” verrà visualizzato.

Clicca su “Copia”. quindi vai alla tua pagina, avvia un nuovo post e metti il dito ovunque nel campo vuoto. “incolla” Si apre e fare clic su incolla.
Questo il sistema.

Se stai leggendo questo messaggio, fammi un favore e lasciami un commento veloce… un ” buongiorno”, un adesivo, tutto quello che vuoi, quindi stai per apparire nella mia sezione notizie ‼”

#friend

Perché è una bufala?

Semplice. Per seguire le pagine o i profili personali che vi interessano sarà sufficiente impostare su “mostra per primi” i post che vengono pubblicati dai vostri profili seguiti preferiti. Solo in questo modo li vedrete scorrere sulla vostra home.
Poi è anche vero che più like, interazioni (commenti) e condivisioni andrete a generare su pagine e profili personali e più i post di questi utenti verranno ripresi nella vostra home.

Webeti di tutto il mondo liberatevi dalla dittatura dell’algoritmo e spezzate queste catene!

Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button