CronachePrimo Piano

Intrappolati come topi alla scuola Galilei di Catania?

Porte chiuse con il catenaccio

I genitori degli studenti del liceo scientifico Galileo Galilei di Catania hanno inviato foto e video delle porte di sicurezza della scuola.

Ieri mattina le uscite di emergenza del plesso centrale di via Vescovo Maurizio erano chiuse con tanto di catena e catenaccio. Non è chiaro il motivo per cui il dirigente scolastico abbia adottato questo provvedimento. Secondo i genitori degli studenti lo avrebbe fatto perchè da un momento all’altro i ragazzi potrebbero occupare l’istituto scolastico.

Fatto sta che l’occlusione delle porte è inammissibile perchè queste uscite, lo sanno tutti, devono essere sempre ben funzionanti e facilmente apribili.

La normativa è chiara in proposito

le vie di uscita e le uscite di piano devono essere sempre disponibili per l’uso e tenute libere da ostruzioni in ogni momento;

E non sembra questo il caso dell’istituto Galilei di Catania.

Le norme sulla sicurezza invitano, per quanto possibile, ad evitare anche percorsi di uscita in un’unica direzione.

Insomma se ancora oggi le porte del liceo sono chiuse con il catenaccio, in caso di incendio o terremoto – e l’area di riferimento non è affatto estranea a questo rischio – può accadere una vera e propria tragedia.

Le tragedie di Torino e Ancona sono state scatenate da semplice panico

A ben pensare non serve neanche si verifichi un evento naturale eccezionale. I fatti di Ancora ce lo insegnano, e ancora prima quelli di Torino. Solo due settimane addietro cinque ragazzi e una donna sono morti schiacciati nella calca in una discoteca mentre tentavano di fuggire dal locale. A scatenare il panico la diffusione tra la folla di uno spray urticante.

A Torino un anno prima e in un luogo all’aperto come piazza San Carlo restavano ferite circa 1.400 persone. La causa fu ancora il panico scatenato da un falso allarme bomba.

Insomma basterebbe veramente poco, come ci insegna l’esperienza, perchè si verifichi una tragedia. Atto irresponsabile chiudere le uscite di emergenza come nell’istituto catanese. Basterebbe un cattivo scherzo perchè si scateni una strage.

Alla nostra attenzione il liceo scientifico ma in verità bisognerebbe appurare in quante scuole del territorio sono veramente funzionanti le uscite d’emergenza.

 

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.
Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.