fbpx
Senza categoria

Inseguimento dei carabinieri a Licodia Eubea: ladri abbandonano auto e otto quintali di uva

Ladri di uva coinvolti in un inseguimento. Nottata movimenta mercoledì per i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Caltagirone. 

I militari, grazie alla collaborazione con i proprietari dei fondi agricoli, hanno appreso che nella serata precedente due autovetture, nelle stradine di campagna di Licodia Eubea, avevano effettuato “strani movimenti”.

L’equipaggio della pattuglia pertanto, intuendo il percorso che avrebbero fatto le due autovetture dei malviventi, ha attuato un posto di controllo sulla SS. 514 nei pressi del bivio Sciri di Sotto. Qui, effettivamente intorno alle 02:00 hanno notato i veicoli segnalati, una Ford Fusion ed una Lancia Lybra mentre si avvicinavano con direzione da Ragusa verso Catania.

I militari hanno immediatamente imposto l’alt ai malviventi i quali, hanno optato per una rocambolesca fuga. Il guidatore della Lancia Lybra è infatti riuscito a dileguarsi perché “aiutato” dal complice sulla Ford Fusion, interponendo l’auto alla gazzella. A questo punto, proprio quest’ultimo ha attuato una guida dissennata e pericolosissima che, senza l’intervento dei militari avrebbe potuto causare una tragedia.

Il malvivente infatti, pur di sfuggire alla cattura, ha preferito percorrere a gran velocità la SS. 194 a fari spenti ed in contromano, tentando di speronare più volte la gazzella. Vista l’impossibilità di far uscire fuori strada l’auto dei militari, il malvivente ha sfruttato il vantaggio fornitogli dall’oscurità lanciandosi dall’autovettura in corsa mentre quest’ultima poi, priva di controllo, ha abbattuto il muro di recinzione di una proprietà privata e terminando la sua corsa in un sottostante agrumeto.

L’autovettura dei malviventi, che conteneva al suo interno circa 800 chilogrammi di uva, non è risultata essere oggetto di furto e, pertanto, sequestrata per il proseguimento delle relative attività investigative.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker