fbpx
Giudiziaria

Inchiesta Montante, tra gli indagati Renato Schifani

Coinvolti pure uomini dei servizi segreti sotto accusa per fuga di notizie

Nomi da far tremare mezza Italia. Tra gli indagati dell’inchiesta Doble Face che ha condotto agli arresti domiciliari l’ex presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante, c’è anche l’ex presidente del Senato Renato Schifani. 

“Io indagato? Cado dalle nuvole… Non ne so niente”. È questa la risposta che Schifani ha dato all’Adnkronos commentando la notizia dell’inchiesta a suo carico. Secondo la Procura, Schifani avrebbe fatto parte di una fitta rete di spionaggio per avere notizie sull’inchiesta della Dda di Caltanissetta su Montante.

Oltre a Montante e alle altre cinque persone finite ai domiciliari e alla sospensione dal servizio per un anno per un vice sovrintendente della polizia in servizio a Palermo, nell’inchiesta ci sono 22 indagati non raggiunti da alcuni provvedimento, accusati di aver fatto parte della catena delle fughe di notizie.

È in questo contesto che si legge in nome di Renato Schifani. Oltre a lui, anche l’ex generale Arturo Esposito, ex direttore del servizio segreto civile (Aisi); Andrea Cavacece, capo reparto dell’Aisi; Andrea Grassi, ex dirigente della prima divisione del Servizio centrale operativo della polizia.

Oggi i magistrati definiscono questa fitta rete di rapporti in un modo ben preciso: “sistema Montante”.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button