fbpx
CronacheNews

Incendio ex Raffineria viale Africa, il progettista Leone: “un crimine dell’amministrazione comunale”

Mentre il fuoco divorava la struttura dell’ex raffineria di zolfo, al viale Africa, sull’altro marcipiede dell’arteria è arrivato l’architetto Giacomo Leone. Volto conosciutissimo, noto professionista di Catania, progettista di tante opere, anche della ristrutturazione prevista e mai realizzata della struttura andata a fuoco, Leone ha accettato di rispondere a qualche nostra domanda.

E sono arrivate “parole di fuoco”. Eccole:

“questo è un crimine dell’irresponsabilità dell’amministrazione comunale, in testa il sindaco Bianco”
Per quale motivo?
“Perché ho scritto decine di raccomandate, non mi hanno mai risposto e di canto ci sono ancora
tre milioni da spendere su questo capitolo. E’ una vergogna”
Si doveva ristrutturare?
“Certo, c’erano i soldi”
Per fare cosa?
“Si completava un centro di cultura, ma all’amministrazione non importa la cultura, importano le porcherie, il piano urbanistico del Pua, importano tutte le altre cose, importano le grandi criminalità ambientali, devono andarsene Bianco e compagni”.

Mostra di più

Marco Benanti

45 anni, ex operaio scaricatore alla base di Sigonella, licenziato in quanto “sgradito” al governo americano per “pensieri non regolari”, ex presunto “biondino” dell’agenzia Ansa, ex giocatore di pallanuoto, ex 87 chili. Soggetto sgradevole, anarchico, ne parlano male in tanti, a cominciare da chi lo ha messo al mondo: un segno che la sua strada è giusta. Ha, fra l’altro, messo la sua firma come direttore di tante testate, spesso solo per contestare una legge fascista di uno Stato postfascista che impone di fatto un censore ad un giornale (e in molti hanno, invece, pensato che lo ha fatto per “mettersi in mostra”). E’ da sempre pubblicista, mai riconosciuta alcuna pratica per professionista, nemmeno quelle vere. Pensa di morire presto, ma di lui – ne è certo- non fregherà niente a nessuno. Nemmeno a lui.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker