fbpx
EconomiaNews

In Sicilia rallentano i mutui

Dopo tre anni di un continuo aumento dei volumi erogati sui mutui, diventano chiari i primi segnali di un rallentamento, che visto il perdurare dell’incertezza economica, possono essere considerati quasi fisiologici. Una condizione che non riguarda solamente la Sicilia ma tutte le province italiane, e che coinvolge tanto i mutuo prima casa giovani nonostante alcune politiche di incentivazione, che quelli di surroga e ristrutturazione.

In Italia, la crescita del volume erogato per i primi 9 mesi del 2016 è stata di circa +26%, un valore che è meno della metà della crescita che si era affermata nel primo trimestre. In Sicilia si chiudono i primi tre trimestri con un aumento di poco superiore al 32%. Dato molto positivo visto che i segnali di rallentamento risultano abbastanza moderati.

Guardando alla situazione di ciascuna provincia, vediamo che come accade anche altrove non sono i capoluoghi a trainare le erogazioni. In particolare, la provincia che raggiunge comunque la crescita più consistente è Ragusa che arriva nei 9 mesi a un aumento del volume di mutui erogati a 72,8%, seguita molto da vicino da Enna che manca d’un soffio la soglia del 72%. Al terzo posto si posiziona Messina con oltre il +50% di erogazioni, e a seguire Siracusa che va oltre il +44%.

Molto vicine troviamo Trapani con un +37,9% e Caltanissetta con +36,2%. Quindi Palermo sopra al 25%, Agrigento +20% e a chiudere Catania con +20,6%. Le previsioni degli esperti continuano a vedere nel 2017 una  modesta crescita delle erogazioni dei mutui, che proseguirà nella fase di rallentamento. Tuttavia continua a preoccupare la mancata ripresa del mercato immobiliare che tra trend al ribasso e modestissime ripresine, non riesce a innescare il volano della ripresa, non solamente più solo auspicabile ma ormai ampiamente atteso.

Questa distonia tra mercato dei mutui, che potrebbe innescare nuovamente una fase di bassi, e quello del mattone, che ha dalla propria parte prezzi molto bassi e case sottovalutate, oltre tassi ai minimi storici, sembrano chiari segnali di una mancanza di fiducia per il futuro prossimo della Sicilia in primis, e dell’Italia più in generale.

ARTICOLI CORRELATI

CRESCONO LE RICHIESTE DI PRESTITO: RIPRESA O CRISI?

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button