GiudiziariaNews

Impallomeni “decisi velocemente sui ricorsi per obbligo di legge”

Udienza preliminare davanti al Gup Santino Mirabella per decidere sul rinvio a giudizio per corruzione chiesto dalla Procura di Catania nei confronti del giudice tributario Filippo Impallomeni, ex presidente dell’ottava sezione della commissione Tributaria provinciale di Catania, accusato di aver redatto “sentenze di favore” in cambio della “disponibilità” indebita di auto da parte della concessionaria Virauto di Giuseppe Virlinzi.

All’inizio delle indagini veniva contestata la legittimità delle decisioni espresse dal giudice, a conclusione delle stesse invece, l’accusa ha piuttosto preso in considerazione la velocità con cui sono stati decisi i provvedimenti: in meno di un anno Impallomeni si sarebbe espresso su sette procedimenti avviati da aziende riconducibili allo stesso imprenditore, con una tempistica che l’accusa ha ritenuto essere “nettamente sotto la media”.

Su questo aspetto si è soffermato in particolare Filippo Impallomeni stamattina rendendo dichiarazioni spontanee «il tempo medio per la trattazione dei ricorsi in genere non trova applicazione per le società con personalità giuridica o per importi superiori ad euro 51.645,69, atteso che tali controversie godono di una corsia privilegiata, prevedendo la legge l’obbligo per il Presidente di sezione di trattare, almeno in una udienza per ogni mese, tali specifici ricorsi». In pratica Filippo Impallomeni avrebbe agito celermente per obbligo di legge, tant’è, tutti i ricorsi incriminati superavano la cifra di euro 51.645,69.

Ed è ancora nelle sue dichiarazioni spontanee che l’ex giudice Impallomeni rileva che le indagini piuttosto che basarsi sulle sole dichiarazioni del direttore amministrativo della Commissione avrebbero dovuto avere a fondamento pareri più tecnici e di rilievo come quello, ad esempio, del Presidente Capo della Commissione Tributaria.

Impallomeni giustifica anche l’uso delle macchine prese in prestito dalla concessionaria, nel 2013 infatti aveva acquistato un Suv al costo di euro 30.000,00 «il prestito da parte della Virauto di auto aziendali, utilitarie usate e vecchie di almeno tre anni, non può essere considerato strumento di corruzione – il che suonerebbe assurdo in quanto non si può comprare un giudice tributario prestandogli un’auto usata da parte di chi detiene un’impero economicoma piuttosto come una prassi d’uso nei confronti di un importante cliente che ha già comprato un mezzo nuovo presso una concessionaria dello stesso gruppo».

Per quanto riguarda i servizi gratuiti di cui avrebbe goduto secondo il Pm Tiziana Laudani l’ex giudice presenta le regolari fatture di pagamento importi spesi con carte di credito e bancomat.

A Impallomeni il Pubblico Ministero contesta anche la mancata astensione nella trattazione del ricorso relativo alla Ediltop presso la quale il figlio aveva acquistato una casa. La compravendita però avveniva 4 anni prima il ricorso presentato in commissione tributaria «a quella data non esisteva, se non nella mente del signore, alcuna contestazione tributaria, atteso che l’appartamento veniva acquistato regolarmente con mutuo e versamenti dimostrati senza godere di alcun tipo di sconto»

 

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.