fbpx
CronacheNews

Ilaria e la sua pusher coetanee, oggi i funerali della sedicenne

Ilaria Boemi, il nome della ragazza trovata morta in spiaggia a Messina. Aveva solo 16 anni e sedici sono gli anni di colei  che le avrebbe  fornito la pasticca.

A  quanto pare dalle indagini, la pusher è stata riconosciuta due giorni dopo la scomparsa di Ilaria da due dei ragazzi che si trovavano con lei quella sera; lei si sarebbe rivolta all’anonima spacciatrice in cerca di qualcosa per ‘sballare’ come aveva già preannunciato agli amici.

I poliziotti della squadra mobile sono arrivati alla sedicenne dopo intere ore  di interrogatori, i quali hanno avuto inizio dai due ragazzi che quella catastrofica sera sono fuggiti, una volta allertati i soccorsi.

I suoi fratelli, i suoi amici e conoscenti, hanno espresso le loro opinioni dicendo che Ilaria non avrebbe mai fatto uso di droghe rischiando, com’è successo, di morire; lei aveva una gran voglia di vivere! Era giovane, solare e gioisa, i suoi capelli e i suoi piercing non rendevano giustizia al suo essere, molti la giudicavano per la sua apparenza pittoresca, sotto cui si mascherava un’anima dolce con un cuore infinito.

Gli amici puntano sul fatto che non era come sembrava e che il pregiudizio dei giornali, per come l’ha descritta su diverse testate, l’ha uccisa una seconda volta.

I  funerali della piccola Ilaria si sono svolti stamane; la sorella ed il fratello la vedevano come ‘una bambina in cerca d’affetto’.
Al funerale erano presenti centinai di amici e familiari afflitti per la morte della sedicenne, in suo onore palloncini e fiori, proprio come  i bambini.

Le indagini ancora in corso lasciano il vuoto sulla sua morte, non è ancora chiara la dinamica che l’ha condotta a perder la vita difatti il Procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita, ha esordito dicendo che vanno fatte delle indagini seriamente accurate per scoprire se in Italia, a prescindere dal fatto che la si vada a cercare o no, stia girando della droga, dell’ecstasy tagliata male, insomma una partita di ecstasy letale, che porti dunque esclusivamente alla morte chiunque ne faccia uso, come un tunnel senza via di fuga.

 

Foto fonte Facebook

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker