CronacheEditorialePrimo Piano

Il video del Ministro Bonafede su Cesare Battisti. Nessuno ha chiesto se…

Piovono aspre critiche sul Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il video dell’arrivo dell’ex terrorista Cesare Battisti realizzato dallo staff e condiviso sui canali social del Ministro scatenano l’indignazione degli utenti che sparano a zero tra i commenti in favore dei diritti dell’uomo tratto in arresto e non poche sono state le polemiche sollevate dal mondo della politica. In molti lo invitano addirittura a dimettersi dalla carica che ricopre.

Quali sarebbero i diritti di Cesare Battisti violati dal Ministro?

Il ‘tribunale del web’ ha sentenziato. Il Ministro Bonafede, con il video realizzato per enfatizzare quasi cinematograficamente gli arresti di Cesare Battisti, avrebbe violato l’art. 114 del codice di procedura penale e l’art. 42 bis dell’Ordinamento penitenziario.

Nello specifico, l’articolo 114 del cpp vieta infatti «la pubblicazione dell’immagine di persona privata della libertà personale ripresa mentre la stessa si trova sottoposta all’uso di manette ai polsi ovvero ad altro mezzo di coercizione fisica».

L’articolo 42 bis dell’Ordinamento penitenziario impone invece l’adozione di «opportune cautele per proteggere» gli arrestati «dalla curiosità del pubblico e da ogni specie di pubblicità».

Ma il Ministro potrebbe avvalersi dell’immunità per questi reati ove venissero contestati nelle opportune sedi.

Ci sono dei diritti ai quali nessun comune mortale e tanto meno nessun “asceso intramondana” invece può sfuggire. I diritti d’autore! Quindi, la domanda che nessuno si pone è…

Il Ministro Bonafede ha pagato i diritti d’autore a Bertysolo?

Il tappeto musicale che accompagna il susseguirsi delle immagini che spettacolarizzano l’arresto del latitante è del compositore francese Bertysolo, com’è già stato riportato dai principali organi di stampa.

Eppure, se un qualsiasi utente osa pubblicare un video con musica di sottofondo, Facebook provvede solitamente al blocco e alla rimozione del video.

In che modo il Ministro è riuscito a essere graziato dalle severe leggi del noto social network?

Nulla esclude il fatto che i diritti d’autore si pagano, sempre. Anche se sei un Ministro della Repubblica Italiana. E sarebbe interessante conoscere anche questo dettaglio circa la vicenda che in questi giorni ha mantenuto i fari puntati su Bonafede.

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.