fbpx
CulturaLibri

“Il sistema Montante” visto dall’ex Sindaco di Racalmuto

Salvatore Petrotto nell' omonimo libro sul caso shock che afferma lo squallore in cui versa la Patria.

Il sistema Montante, una crepa nella storia dell’Italia? No, certamente una conferma! Di questa antimafia che è mafia pura, molti e continui sono gli scoop. Con la pubblicazione per Bonfirraro Editore, Salvatore Petrotto, due volte Sindaco di Racalmuto, ricalca e sviscera  l’aberrante sistema Montante, consegnando elementi “profetici” per nuovi scandalosi incipit che fino a due settimane fa sono emersi.

Il sistema Montante: il libro scritto da un ex Sindaco

Proprio così, l’autore de “Il sistema Montante” è nato a Racalmuto. Vi ha studiato fino ad approdare all’Università a Palermo per poi tornare e governare la propria città. Racalmuto (AG), la città che diede i natali a Leonardo Sciascia.

Perché Salvatore Petrotto abbia scritto un libro su questo enorme scandalo dell’antimafia che invece richiama più mafia di altre mafie, non siamo tenuti a saperne.

Ciò che ci sorprende è con quanta lucidità, l’autore, riesce a ripercorrere e ricostruire le fila di un disegno che sono la drammaticissima situazione di persone oneste, che perdono le loro speranze e aspettative di difesa, proprio perché l’essere governate da persone serie è sempre più un eufemismo.

E con questo, anche il sogno di lotta al peggio svanisce.

 

Mafie et alii

Che la mafia ha mani dappertutto non è una novità, tanto che non ha da dircelo il sistema Montante. Che un paladino dell’antimafia, invece, vi abbia collaborato aprendo al mondo della massoneria, della forze dell’ordine, della politica, beh quest’ultima non è una sorpresa, e altre esponenziali figure che garantirebbero pulizia e lotta alla mafia, è una batosta che in troppi subiamo.

 

Quando tutto si confonde

Il Sistema Montane
Il Sistema Montane

Si evince con chiarezza, dal volume di saggistica del Petrotto, che tutta la confusione instillata fu proprio un balordo gioco per riuscire a mantenere e piazzare nei luoghi di potere personaggi insospettabili. Una pratica che difficilmente poteva esser scoperta.

Il semplice cittadino ad un certo punto vorrebbe scappare da quella realtà cosi distorta che ha del sistema Montante il riuscire a fargliela andare bene.

Ribrezzo e plausi

Il libro è micidiale. Ardito e coraggioso, l’autore in appendice ha inserito tanto di quei materiale che tornerà utile per rendersi conto in che mani vacilla la nostra scandalosa vita.

 

 

Un link, ma anche altri…

Per una ampia comprensione vi propongo la lettura dell’editoriale, in direct link, fatta dal direttore Debora Borgese a Claudio Fava sulle drammatiche questioni in cui versa oggi l’illegalità tutta:
Antimafia. Fava: “Un brand di successo e di potere”, di Debora Borgese.

Tags
Mostra di più

Salvatore Massimo Fazio

Di lui sappiamo che è contro il bigottismo sociale "è mafia pura" e che decide di vivere la socialità solo per lavoro, o rare volte al bar da Enzo quando torna a Catania. Nel 2016 col saggio "Regressione suicida", non inganni il titolo, è un invito a ripercorrere tutte le tappe della vita sino a risorgere nella veste indipendente, senza pendere dal pensiero (e da) alcuno, desta polemiche. Si ritira anche dalle direzioni artistiche "[...] non dimenticatevi che sono anche un operatore sociale e un tutto fare". Ha dichiarato difficoltà e malessere nell'aderire alle filosofie dei due outsider che ha approfondito per circa 16 anni, Emil Cioran e Manlio Sgalambro, dei quali estese la propria tesi di laurea: "C'è un motivo per il quale non posso dichiararmi filosofo, né studioso di filosofia, nonostante la stampa continua a farlo e io continui a smentirlo".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker