fbpx
BlogMatteo Iannitti

Il selfie della vergogna e l’alternativa che già esiste

Il consociativismo, la cumacca, in un unico scatto. E sembra quasi una provocazione se si pensa che è stata scattata nell’attesa dell’incontro con il presidente dell’autorità anticorruzione. Salvo Di Salvo, Assessore comunale all’Urbanistica, uomo del Movimento dell’Autonomia di Raffaele Lombardo fino a quando non è stato folgorato sulla via di Enzo Bianco. Nuccio Condorelli, ex capogruppo del PDL in Consiglio Comunale e indicato vicesindaco da Raffaele Stancanelli. Angelo Villari, nuovo Assessore ai servizi sociali del Comune di Catania ma soprattutto ex segretario generale della CGIL etnea, leader dell’area politico-sindacale che domina il PD catanese. Rosario D’Agata, assessore tuttofare del Comune di Catania, da molti giudicato la faccia pulita della Giunta Bianco e della “sinistra” istituzionale. E poi Pino Firrarello, Don Pino di Bronte, vicerè del centrodestra siciliano, uomo di fiducia di Berlusconi prima e di Alfano adesso.

Eccola una parte della politica catanese, unita in un unico selfie. Vergognoso, imbarazzante. Tutti lì sorridenti, amici, amici di amici. Tronfi, arroganti, sbeffeggianti, pensano di avere il pieno controllo del potere. Ma fortunatamente esiste un’altra città, esiste l’alternativa. Esiste in chi non si lascia corrompere, in chi nel silenzio occupa uno spazio per fare cultura, in chi in un quartiere popolare apre una biblioteca o un campo da rugby. Esiste in chi scende in piazza per difendere il proprio diritto al lavoro, al reddito, alla dignità, alla libertà. Esiste in chi denuncia senza paura e a schiena dritta la mafia, la corruzione, il clientelismo. Una Catania diversa, che si ribella. Fuori da questo selfie: vera maggioranza. Una Catania che si sta già organizzando per cacciarli e riprendersi ciò che le spetta di diritto.

Una Catania che vive anche di giornaliste attente e libere, come Melania Tanteri, che prima di tutti ha scovato la foto sul profilo facebook di Salvo Di Salvo: http://catania.livesicilia.it/2015/02/24/da-firrarello-a-saro-dagata-la-politica-etnea-in-uno-scatto_330345/

Tags
Mostra di più

Matteo Iannitti

Nato nel 1988. Rappresentante del Movimento politico Catania Bene Comune, già candidato Sindaco di Catania. E' stato componente dell'Esecutivo nazionale dei Giovani Comunisti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker