fbpx
CronachePrimo Piano

Il prete blasfemo che sbeffeggia il Santo di Aci Trezza. Video

Il Prete blasfemo durante la festa di San Giovanni ad Aci Trezza

È il 24 giugno 2018, ad Aci Trezza frazione di Aci Castello è grande festa per il patrono San Giovanni. Come è usanza, i sacerdoti delle parrocchie vicine partecipano alle celebrazioni. Così è presente anche padre Gaetano Pulvirenti parroco della Chiesa di Santa Lucia ad Aci Catena.

Il sacerdote prepara una messiscèna che attraverso un video fa il giro dei social. All’arrivo del Santo il sacerdote che è in compagnia di alcuni seminaristi e suoi parrocchiani, anzichè chiudersi in contemplazione e preghiera,  indossa una lunga e mossa parrucca bionda scintillante. Insieme a lui c’è anche una donna che infila velocemente maschera, tubo e cuffia da piscina. E via fragorose risate. Secondo i beneinformati è la promessa di Padre Gaetano che ogni anno, da circa 10, avrebbe lamentato che il passaggio del fercolo di Aci Trezza “gli faceva ricciare i capelli”.

Il Vicario di Acireale non la prende bene

L’azione, che potrebbe essere deprecabile per un sacerdote, certo non va giù ai piani alti della Diocesi acese, nota tra l’altro per essere molto attiva quando c’è da adottare provvedimenti punitivi. Il video sottoposto all’attenzione del Vicario della Diocesi non passa inosservato, anzi. L’onta viene lanciata sul parroco di Santa Lucia. Padre Gaetano, tra l’altro sceglie anche male il Santo da perculare: il vicario generale di Acireale Giovanni Mammino, nominato a marzo del 2017, è stato per anni parroco delle parrocchie di San Giovanni Battista e di Santa Maria La Nova in Aci Trezza. Scelta incauta per il prete giocherellone che si sarebbe ritrovato a dover fronteggiare l’ira del numero due della Diocesi di Acireale.

Carriera Finita?

Carriera ecclesiastica tristemente bloccata per Padre Gaetano che prima dell'”evento giocoso” avrebbe aspirato ad andare a posizionarsi alla Cattedrale di Acireale al posto di padre Strano. Originario di Acireale al sacerdote di Santa Lucia non resta altro che contentarsi di essere canonico di San Sebastiano. Mai sfidare santi e la diocesi retta da Monsignor Raspanti.

 

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker