fbpx
CronacheNews

Il mecenate Presti dichiara guerra al sindaco Bianco

Catania –  “E’ stata una vigliaccata istituzionale, un atto di cafonaggine, se non sanno apprezzare un dono da parte di un privato, potevano dirlo. Il sindaco poteva anche intervenire per non far sospendere il Rito!”. Amareggiato e profondamente deluso con le istituzioni, Antonio Presti, presidente di Fiumara D’Arte, sta continuando a smontare gli allestimenti del Rito della Luce 2014. “E’ stato un atto vile –  dichiara telefonicamente a L’Urlo-  soprattutto nei confronti dei bambini”.

Il Rito della Luce è infatti stato sospeso dopo una diffida dei vigili del fuoco, non tanto ad Antonio Presti, organizzatore dell’iniziativa, ma alla preside della scuola. “Non conosco i veri motivi della diffida –  spiega Presti –  so soltanto che la richiesta di autorizzazione è giunta ai Vigili del Fuoco ben tre mesi fa“. Nessuna mediazione, nessuna richiesta di apportare possibili modifiche, soltanto uno stop all’iniziativa giunta alla sua terza edizione.

“Potrei querelarli, perchè non hanno parlato con me, che sono con l’organizzatore, e perchè non c’è stata alcuna richiesta di mediazione. Tutte le istituzioni, compreso il sindaco Bianco, si stanno trincerando dietro atti amministrativi, quando dovrebbero apprezzare se qualcuno realizza qualcosa di bello. Anche perchè, in questo momento, Catania non sta offrendo molto da un punto di vista culturale. Ciò che sembra strano –  continua –  è che la diffida sia arrivata al secondo giorno, come se fosse una sorta di “vendetta””.

Vendetta per cosa?

“Forse – risponde –  per aver portato un po’ di bellezza e per essermi prodigato per questa città. Magari pensano che diffondere la cultura della legalità non sia un valore”. Ora la sua richiesta è semplice, le istuzioni coinvolte, tra cui il sindaco Bianco, le due presidi e i vigili del fuoco,  chiedano scusa a quanti hanno collaborato alla realizzazione della manifestazione ed hanno visto sospendere il proprio lavoro.

“Di certo –  conclude Presti –  non sarà questo a fermarmi, l’anno prossimo torneremo con il Rito”.

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker