EditorialePoliticaPrimo Piano

È ufficiale: il M5S è di Destra. Il M5S salverà Matteo Salvini

Gli adepti grillini, nonostante sia stato bucato il sistema tardando di circa un’ora l’inizio della votazione, hanno sentenziato. Dei 52.417 iscritti alla piattaforma Rousseau sono stati 30.948 a indicare il loro “sì, il fatto (contestato a Matteo Salvini, ndr) è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere negata l’autorizzazione a procedere”. Il M5S grazierà Salvini indicando l’impunità.

ll partito pentastellato è di destra.

Da questa votazione on line non ci potrà più essere alcun margine di dubbio. Il M5S è un partito di Destra.

Alla pletora grillina Matteo Salvini piace. Piace al punto da rinnegare ancora una volta gli ideali del M5S e convertirsi inaspettatamente all’ipergarantismo rispetto alle misure adottate dal vicepremier con la nave Diciotti. D’altra parte non avevano altra scelta. Se avessero votato per l’autorizzazione a procedere contro di lui automaticamente avrebbero voltato le spalle a Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Danilo Toninelli, anche loro indagati dalla Procura di Catania per il caso Diciotti.

I morti di sonno – mi sia concesso – non hanno valutato invece l’opportunità che si sono lasciati sfuggire, ovvero la possibilità di liberarsi del loro principale competitor e illudere in questo modo le 21.469 anime di sinistra che non volevano concedere l’impunità al Ministro dell’Interno.

Dopo questa votazione on line avranno un motivo in più per mollare l’M5S. Matteo Salvini, invece, ne esce ancora una volta vittorioso sul M5S ormai piegato al suo carisma. Di Beppe Grillo, poi, ne è rimasto solo un lontano ricordo. D’altronde, del famigerato ‘Comma 22’ ma ancora peggio della ‘sindrome di Procoust’, lui e il M5S ne sono i promotori sin dal 2014 quando hanno iniziato ad allontanare le menti e voci più critiche perché più scomode in quanto difficili da indottrinare. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti, ormai.

Rimane tuttavia il sospetto che i risultati proposti dal Blog delle Stelle non siano reali dal momento in cui nessuna società esterna certifica i voti sulla piattaforma Rousseau. Allora, l’errore non sarebbe imputabile agli attivisti ma a chi ha deciso per tutti con un probabile raggiro che segnerà l’epilogo definitivo del M5S.

 

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.