fbpx
Nera

L’ultimo saluto a Rosa D’Agostino. Acireale unita nel dolore

È un momento commovente e di grande dolore l’ultimo saluto a Rosa D’Agostino, sorella dell’Onorevole Nicola, scomparsa qualche giorno fa a seguito di un incidente aereo. Tutta la città di Acireale, dove la donna viveva, è stretta nel lutto.

Ad officiare la messa è il vescovo Raspanti, davanti ad una Cattedrale gremita di gente. Presenti tutti i volti della politica catanese e delle istituzioni, uniti nel dolore della famiglia.

Volti tristi, amici e parenti che bisbigliano in lacrime.

“Sono giorni devastanti questi. Vi ringrazio per il vostro affetto, io non so se tutti la conoscevate ma aveva la capacità di sviluppare tante dimensioni parallele era sempre disponibile amava la famiglia non dimenticava una ricorrenza un appuntamento in agenda. Precisava che la vita era una e che per lei occorreva viverla con intensità”. Poche parole, ma intense, quelle del fratello Nicola.

“Il suo carattere era tempestoso. Ci sarebbe da dire tanto, al lavoro c’era sempre. Con il passare degli anni era diventato il vero capo di famiglia, suppliva le mie assenze Quando c’era un problema o discuteva, mi diceva “vuoi fare il politico con me?” Era un giudice severo che mi costringeva quotidianamente all’autocritica”.

“Per lei c’era l’avventura. E mi contagiava.  Abbiamo fatto molte cose insieme, tante non siamo riusciti a farle. Era una forza incredibile che faceva sempre la differenza” conclude.

Rosa era una donna apprezzata e stimata da tutta la comunità. Tutti la ricordano come una forza della natura, una donna intelligente e intraprendente, che lascia un gran vuoto in chi la conosceva.

EG.

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button