fbpx
CronacheSenza categoria

Il consiglio di un boss a Niko Pandetta: “Fatti un tatuaggio di Falcone e Borsellino”

“Fatti un tatuaggio di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e si risolvono tutte cose”. Il consiglio arriva direttamente da un famoso boss per Niko Pandetta, famoso cantante neomelodico  e nipote di Turi Cappello in regime di 41 bis. È questa una delle frasi intercettate nell’indagine a Borgo Vecchio.

Ma Pandetta, durante i suoi live nonché in alcune strofe delle sue canzoni, non dimentica mai di esaltare la figura dei carcerati

“Zio Turi io ti ringrazio ancor e tutt chill c faj p me. Si stat tu a scol e sta vit ca me mbarat a campà cu l’onore. P colpe e chisti pentit staje chius là dind o 41 bis” si ascolta in una strofa di una celebre canzone del neomelodico, “Dedicata a te”.  Lo stesso, inoltre, aveva rilasciato un’intervista nella trasmissione Realiti, nel 2019, dove evidenzia il suo affetto ai detenuti in regime di 41 bis.

Niko Pandetta, pertanto, è sempre stato al centro di diverse polemiche per la sua vicinanza alla mafia, che spesso gli sono costate il divieto di esibirsi. Tanto che l’amico e boss Jari Ingarao per fare ridecollare la musica di Pandetta  “invita” i commercianti del rione Borgo Vecchio a sponsorizzare il suo concerto. Era il 2019, la festa in onore di Sant’Anna, necessitava di un intrattenimento musicale.  E il comitato che sceglieva i cantanti era controllato dalla mafia. Inoltre, per pagare gli artisti si usava la vendita dei biglietti, imposti, quindi, a tutti i commercianti. Parte dei ricavi erano destinate alle casse del clan.

La strategia, però, prevedeva anche la strumentalizzazione tramite inchiostro su pelle, dei due giudici uccisi, per volere della Mafia.

G.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker