fbpx
Sport

Lezione di tattica di Auteri a Sottil. Il Catania scivola in casa

Pesante sconfitta interna per il Catania. Un k.o. che pesa sia a livello di classifica che sul morale dei rossazzurri.

Pesante sconfitta interna per il Catania. Un k.o. che pesa sia a livello di classifica che sul morale dei rossazzurri.

Nell’analisi post-gara, però, ci sono delle attenuanti: prima di tutto gli impegni ravvicinati, frutto di un calendario compresso dopo l’estate folle passata tra sentenze e contro ricorsi. Che fosse un campionato “falsato” lo si sapeva, adesso ne abbiamo la prova: giocare ogni tre giorni anche con una rosa profonda come quella del Catania è quasi impossibile. Se poi ti metti anche a snaturare il proprio impianto di gioco (da 4-2-3-1 a 3-4-1-2) è impossibile ottenere risultati positivi.

Così come contro il Siracusa, il Catania regala all’avversario un tempo. Era accaduto anche a Potenza: l’approccio alla gara non è positivo e il Catanzaro ne approfitta. Dopo il gol di Kanoute la reazione del Catania è più nervosa che tecnica e i calabresi non soffrono mai. Anzi, trovano nel secondo tempo il gol con Giannone (una rete di pregevole fattura applaudita anche dai tifosi etnei).

Una lezione di tattica da parte di Auteri nei confronti di Sottil. Il tecnico del Catanzaro, tra l’altro, si conferma autentica “bestia nera” per il Catania.

I tifosi sono sul piede di guerra

E adesso? In sala stampa Sottil, Lodi e Marotta si sono “scusati” per la sconfitta, ma i tifosi sono già sul piede di guerra. Al Catania, del resto, non c’è altro risultato che la conquista della B sul campo. Altra situazione sarebbe vista come fallimentare. Il match di sabato prossimo contro la Juve Stabia dirà tanto anche sul futuro di Sottil: non servirà solo uscire indenni dal “Menti”, ma anche una prestazione convincente per diradare le nubi all’orizzonte.

TOP

Alessandro Marotta – Dà tutto, ma non trova la gioia del gol. Soprattutto nella ripresa è poco servito dai compagni.

FLOP 

Matteo Pisseri – Purtroppo una prestazione al di sotto del suo potenziale. Pesa il gol preso, sul suo palo, siglato Kanoute.

CATANIA-CATANZARO 0-2

MARCATORI: 13′ Kanoute, 76′ Giannone

CATANIA (3-5-2): Pisseri; Aya, Silvestri, Esposito (dal 46′ Barisic); Calapai (dal 30′ Baraye), Angiulli (dal 46′ G. Rizzo), Lodi, Biagianti (dal 82′ Vassallo), Ciancio; Manneh (dal 46′ Curiale), Marotta. A disp.: Pulidori, Lovric, Bucolo, A. Rizzo, Scaglia, Brodic, Mujkic. All. Sottil.

CATANZARO (3-4-3): Furlan; Celiento, Riggio, Figliomeni; Statella (dal 82′ Nicoletti), De Risio (dal 19′ Iuliano), Maita, Favalli; Kanoutè (dal 82′ Eklu), Ciccone (dal 82′ Infantino), Fischnaller (dal 71′ Giannone). A disp.: Elezaj, Mittica, Lame, Signorini, Posocco, D’Ursi,  Repossi. All. Auteri.

ARBITRO: De Angeli della sezione di Abbiategrasso.

AMMONITI: Celiento, Silvestri, Iuliano, Furlan

RECUPERO: 2′, 4′

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button