fbpx
GossipLifeStyle

Da ieri a Catania lo (strano) yacht da 400 milioni

Ieri mattina percorrendo la strada che da Aci Castello va verso Catania avreste visto, ad una prima occhiata una nave da guerra ormeggiata vicino la costa. Ad un secondo sguardo, avreste pensato ad un grosso ferro da stiro poi, avreste capito che si trattava di un eccentrico yacht.

L’imbarcazione in questione mercoledì era a Taormina e ieri mattina elegantemente posata sullo specchio d’acqua di Catania con il titolo di megayacht più stravagante al mondo.

Lungo 118 metri e largo 18, somigliante a un gigantesco ferro da stiro: metà sottomarino e metà navicella spaziale. Il proprietario di questo lussuoso yacht, che si chiama “A”, è un ricchissimo uomo d’affari russo, il miliardario business-man Andrey Melnichenko, che ha voluto dedicare l’imbarcazione alla moglie Alexandra Nikolic imprimendo sulla poppa l’iniziale del suo nome, la “A”.

Costruito nel 2008 presso i cantieri tedeschi di Blohm & Voss, il panfilo è stato disegnato dall’architetto francese Philippe Starck e sembra sia costato 150 milioni di euro. Oggi però il suo valore di mercato ammonta a 400 milioni di euro grazie alle innovazioni apportate e agli innumerevoli “extra” aggiunti negli interni. Tra le stranezze presenti sullo yacht si trovano anche diversi quadri di Monet e un serbatoio di dimensioni enormi, che richiede diverse migliaia di euro per ogni rifornimento. I capolavori del maestro Monet, però, non rappresentano gli unici lussi che “A” vanta: nei suoi 118 metri quadrati di superficie, sono presenti anche tre piscine, una master suite, sei suites per gli ospiti, 42 camere e bagni con rubinetti del valore di 40mila euro ciascuno.

Il video degli interni della nave

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker