fbpx
CronacheNewsSenza categoria

I primi passi per la liberazione definitiva di Piazza Federico di Svevia

Qualcosa si muove in Piazza Federico di Svevia. Dal 21 maggio, giorno in cui la famosa petizione promossa dal portale di Mobilita Catania, insieme alle associazioni Lungomare Liberato, movimento #salvaciclisti, Gammazita, comitato popolare Antico corso, CentroContemporaneo, FARE (Catania) ed Etna Ngeniousa è stata protocollata presso il Palazzo degli Elefanti, si cominciano a vedere dei primi passi verso l’effettiva realizzazione dell’isola pedonale nell’area compresa tra il prospetto frontale del Castello Ursino e quello laterale della chiesa di San Sebastiano. Infatti sono stati rimossi i cassonetti collocati su uno dei lati della chiesa contenente in cui si trova un portale risalente agli inizi del XVIII secolo.

“È una piccola cosa che ci fa ben sperare. – afferma Davide Cavallero di Gammazita – è veramente assurdo avere un castello e parcheggiarci l’auto davanti. Per anni è stato valorizzato il castello, ma non è stato fatto nulla per l’area circostante. Però non basta togliere le macchine, ci vogliono impegno e iniziative, altrimenti diventerebbe una piazza vuota. Noi vogliamo restituire centralità e vita a una piazza che pur essendo in pieno centro è ritenuta periferia. In 30 giorni il comune dovrebbe provvedere con l’arredo urbano, ma non vogliamo che accada come per piazzale Oceania in cui le panchine messe era state tolte da corso delle Province. Se hanno dei problemi a trovare l’arredo ci penseremo noi, come abbiamo fatto nella piazzetta in cui le panchine sono state realizzate da noi con i pallet”.

Aggiunge Alessio Marchetti, membro del comitato spontaneo Lungomare Liberato “Dovrebbero mettere anche una rastrelliera per le bici nella piazza che attualmente manca. L’Asec Trade ha comprato 10 rastrelliere per la città che sta mettendo piano piano in occasione di eventi per farsi pubblicità, la prima è stata posizionata ed inaugurata durante un Lungomare Liberato alla presenza del Sindaco Bianco ma purtroppo davanti ad un paninaro dove non serve a molto e viene occupata dai tavolini dello stesso. Noi di comune accordo con l’Asec Trade avevamo proposto di metterla davanti il Café de Paris, ci auguriamo che venga spostata di fronte a qualche bar dove sicuramente può essere più utile e fruibile”

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker