fbpx
GiudiziariaNewsNews in evidenza

I migranti come testimoni e non indagati. Salvi “Sono da considerare persone offese”

Untitled-2I Sopravvissuti alla tragedia del 18 aprile considerati testimoni e non indagati. Il Procuratore di Catania Giovanni Salvi stamattina ha chiarito le motivazioni di questa scelta, giustificata dal diverso modo di operare da parte degli scafisti e da una diversa interpretazione del reato di immigrazione clandestina (vedi art. 10-bis a fianco). Negli ultimi tempi infatti si è visto come i trafficanti, anzichè approdare sulle nostre coste, lanciano l’allarme in alto mare per fare arrivare i soccorsi e così giungere a destinazione, con un notevole abbattimento dei costi economici.

Nel caso particolare dello scorso mese, i migranti sono stati raggiunti dal mercantile portoghese King Jacob in acque extraterritoriali, a circa 120 km dalla Libia, e poi trasportati da Malta in Italia. La loro traversata è terminata lontana dalle acque di competenza italiana, quindi non sono applicabili le norme che puniscono lo straniero nei casi in cui faccia ingresso illegalmente e per sua volontà in territorio dello Stato.

Untitled-3

E anche se l’individuo si imbarca volontariamente per entrare in Italia, ma viene trovato in acqua internazionali, il tentativo non è punibile, essendo un reato contravvenzionale e non un delitto. Inoltre non è possible che venga considerato come collaboratore, a meno che non ci siano prove che lo dimostrano, dato che principalmente le accuse ricadono su chi guida le imbarcazioni e mette in pericolo la vita di chi sta a bordo.

“Il migrante deve essere sentito come persona offesa e non come indagato di reato collegato” ha dichiarato Salvi, ammettendo come questa diversa lettura del codice penale possa diventare una prassi, anche se nei limiti finora descritti.

0–

Tags
Mostra di più

Alberto S. Incarbone

21 appena compiuti ed una vita da studente davanti, di fronte a me vedo sempre nuove vie d'uscita. Gioco a fare il giornalista da quasi due anni, collaborando con TRA tv e Il Mercatino, anche se qualche volta mi diletto a fare il cameriere. Amo viaggiare a piedi per la Sicilia, ma soprattutto parlare, parlare con i vecchi. Radio, televisione, carta stampata e web non mi bastano: sogno una terra vergine da esplorare, in cui comunicare col pensiero. Nel frattempo mi trovate in giro ad intervistare qualcuno, sperando di fare domande intelligenti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker