CronacheNewsNews in evidenza

Gruppo facebook della polizia in mano agli hacker

Il gruppo facebook “Polizia di Stato tutti in un gruppo” è stato preso di mira dagli hacker. Nameless: è questo il nome in codice dei “pirati”

La pagina facebook “Polizia di Stato tutti in un gruppo” è stata presa di mira dagli hacker.

Il gruppo, fondato da alcuni poliziotti, era nato per creare un luogo di incontro virtuale fra operatori della Polizia di Stato e simpatizzanti delle Forze dell’Ordine.

Originariamente nel social group comparivano diversi post legati al mondo delle Forze Armate. Si andava dai fatti di cronaca, a post dove venivano ricordati i colleghi deceduti. Non mancavano i selfie di alcuni agenti.

Da qualche giorno sembra che la mission del gruppo sia cambiata: alcuni hacker, forse esponenti dei centri sociali, si sono impossessati del luogo di incontro virtuale dei poliziotti.

polizia di stato tutti in un gruppo

Fra i neo-amministratori c’è un certo Alexis Montano, il quale ha scritto un post decisamente serio e per nulla denigratorio sul G8 di Genova:

“Mi presento, sono Augusto Ferraccio, un admin del gruppo, vorrei proporre, dopo le molteplici richieste in privato, un post serio, privo di offese e di provocazioni, e mi son detto “dai per una volta…”. Questa discussione è molto semplice e la domanda è una sola:
Esiste un poliziotto o carabiniere che ammette che quello che successe a Genova, al G8, fu un obrobrio da parte delle forze dell’ordine? mi riferisco alla scuola Diaz. Qualcuno di voi riesce ad essere obbiettivo? Sicuramente ci furono molti errori da qualsiasi parte, ma quello che successe lì dentro fu uno schifo totale.”

Accanto a post seri, come quello scritto da Alexis Montano-Augusto Ferraccio, sono tanti invece i post denigratori e offensivi nei confronti delle Forze dell’Ordine.

Ci sono le frasi ad effetto come:

“Troie e Polizia stessa porcheria”

“Ma per divenire poliziotti, fate anche dei test attitudinali? Un tripudio di trisomia 21”

Non mancano le foto ingiuriose:

polizia

Ma  c’è anche chi va oltre commentando così la seguente foto:

“Ecco come vanno riscaldate le vostre auto”polizia

Infine, c’è anche chi si diverte a lanciare sondaggi:

Immagine

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.