fbpx
LifeStyle

Grazie, Facebook

Caro, vecchio Facebook, tanto odiato quanto amato; si è dimostrato un valido aiuto per coronare un sogno d’amore, far ricontrare vecchi amici, trovare ciò che si era perso e perfino superare i limiti dello spazio e del tempo.

sposi-anzani-15x11-lecco-facebook-2-408x314

E’ il caso di dirlo: galeotto fu il social per una coppia che si ritrova proprio grazie a facebook, ed ai loro cari, dopo 70 anni.
I due innamorati a causa della seconda guerra mondiale persero i contatti e non si trovarono più fino a poco tempo fa. La tecnologia di oggi ha contribuito a salvare un amore rimasto latente troppo a lungo. I due piccioncini hanno avuto modo di continuare da dove avenano interrotto e recuperare un pò di tempo perduto, si sono sposati perché l’amore non conosce età e non è mai troppo tardi per coronare un sogno.

thb

L’amore della famiglia, l’unione ritrovata. Due fratelli separati da piccoli che vivono dall’altra parte del mondo si ritrovano attraverso condivisione di post e di immagini sul web. Dopo la morte dei genitori, i due fratelli Liliana Bonato e Peter Harriston furono destinati a famiglie diverse. Liliana fu adottata da alcuni parenti veneti e Peter da una famiglia americana. Separati dall’oceano ma più vicini che mai. Liliana non si arrese mai e grazie alla condivisione di una semplice foto è stato possibile farli ritrovare. La figlia di Liliana infatti, grazie all’uso di facebook, rese pubblica una foto che ritraeva Peter da piccolo. Lui riuscì a riconoscersi e così i due fratelli cominciarono a comunicare, a conoscersi e ad ritrovarsi. Non è nulla la distanza se a superarla esiste un ponte virtuale.

C_4_articolo_2083484__ImageGallery__imageGalleryItem_0_image (1)
Una luna di miele che finisce con una fede smarrita non è esattamente il sogno dei novelli sposi. Grazie al social Martin Castillo e Jessica Garza sono tornati in possesso della fede che avevano perduto durante una gita in barca in Messico. L’appello del sub Daniel che trovò sul fondale la fede, lanciato su facebook, fu condiviso più di 100mila volte. “Passavo quattro-cinque ore al giorno a leggere mail e rispondere ai messaggi” sostiene. Un giorno il messaggio di una donna riuscì a risolvere il problema, l’anello apparteneva al marito di sua cugina. La donna aveva inviato per dimostrazione, una foto di una coppia di anelli identica alla fede ritrovata da Daniel.

Facebook-su-cellulare

Piccole fughe smascherate da facebook perchè all’occhio del grande fratello non si scappa. Un’adolescente pisana in fuga è stata ritrovata dalla sua famiglia grazie ad un collegamento effettuato dalla ragazza attraverso il suo cellulare. Collegandosi a facebook usando una copertura wifii infatti è stato possibile rintracciarla ed indivisuare la sua posizione.

 

Biciclette-Bologna-1
Anche in caso di furti facebook fa la sua parte. I cittadini di Chiari spesso vittime di furto di biciclette,decisero di fare affidamento proprio al social
per ritrovare i loro veicoli a due ruote smarriti e rubati. Un gruppo su Facebook può essere dunque necessario. A raccogliere le segnalazioni anche l’ex assessore al commercio Iris Zini.

Nulla sembra essere impossibile nell’era di facebook.

 

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker