fbpx
CronachePrimo Piano

Gli irriducibili di Sant’Agata. Sul fercolo: il pregiudicato e il responsabile rimosso

Fracesco Ragusa, affiliato alla cosca mafiosa dei Cursoti milanesi, sotto il baiardo

Francesco Ragusa presente sotto il fercolo regge il baiardo alla presenza del capovara Claudio Consoli

Giunta la sera, ieri ha presenziato la processione del 5 febbraio Francesco Ragusa. Nel tempo l’uomo è stato più volte segnalato per essere una presenza fissa sotto il fercolo di Sant’Agata. Il fatto va contro i regolamenti agatini che quest’anno hanno anche imposto la firma di una autocertificazione sulla fedina penale per escludere connesioni con reati, tra gli altri, di mafia.

Francesco Ragusa, presente sotto il fercolo, compare appoggiato al baiardo anteriore

Ragusa che era iscritto all’associazione Sant’Agata Cattedrale, ha un lungo curriculum: detto Franco ‘u sceriffu è stato condannato per associazione per delinquere di stampo mafioso. Nel 2013, in via Plebiscito, gli spararono alle gambe per un regolamento di conti.

Presente per tutta la processione anche il resposabile rimosso da Consoli

Giuseppe Laudani con le mani poggiate al baiardo anteriore. Sul fercolo Claudio Consoli, capovara, e Monsignor Barbaro Scionti

Presente anche Giuseppe Laudani quel responsabile da cui il capovara Claudio Consoli si premurò di prendere le distanze l’anno scorso. Il maestro del fercolo adottò questo provvedimento subito dopo le celebrazioni agatine a seguito della pubblicazione della foto che immortalava Antonello La Rosa al di sotto del baiardo. La Rosa, anche lui pregiudicato, ha un curriculum molto più modesto di Ragusa. Per buona pace di tutti, con la sua partecipazione, costrinse Consoli alla rimozione di Laudani. Così si leggeva nel provvedimento

con la presente e con vivo dispiacere, vista la circostanza venutasi a creare nell’ambito della sua responsabilità e in ottemperanza a quanto previsto dal regolamento, sono costretto a sollevarla dall’incarico di resposnabile del baiardo anteriore che io stesso le avevo conferito

Una rimozione di facciata evidentemente perchè nella processione di ieri Giuseppe Laudani è stato sempre presente al suo solito posto, dando anche indicazioni.

Effettivamente Consoli non ha mai provveduto alla sua sostituzione. Semplicemente era stato previsto che uno dei responsabili dello scrigno curasse anche il baiardo anteriore.

Laudani regge Sant’Agata all’uscita della Cattedrale ed è presenza fissa al baiardo

I regolamenti di facciata e non rispettati

A ottobre scorso Renato Camarda, presidente del Comitato per la legalità nella festa di Sant’Agata chiedeva lo scioglimento delle associazioni agatine e additava e all’indirizzo della chiesa affermava: “come è possibile non sappia ciò che accade sotto ai suoi occhi?”. Nel mirino del comitato finiva anche Claudio Baturi, ex capovara, e presidente dell’associazione Sant’Agata cattedrale colpevole, secondo il comitato, di non aver verificato i suoi associati e collaboratori al tempo in cui era Maestro del Fercolo.

Il comitato per i festeggiamenti agatini a novembre 2018 ha emanato i 7 regolamenti che riguardano le celebrazioni agatine. Un atto forse più teso a calmare l’opinione pubblica visti i rinnovati risvolti della processione agatina. Con la compiacenza del capovara e del parroco della Cattedrale Monsignor Barbaro Scionti – entrambi parti attive del comitato per i festeggiamenti – il responsabile rimosso dava ordini dalla sua posizione sotto il baiardo anteriore. Davanti a Consoli sotto il candeliere, ancora al baiardo, era presente Ragusa.

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.