fbpx
Psiche e Società

Gli eroi di questo nostro tempo

Eroi.  In questo periodo gli uomini e le donne che svolgono il mestiere di medici, psicologi ospedalieri, infermieri, Oss e gli operatori igienico sanitari esposti alla possibilità di contagio vengono proclamati gli eroi di questo tempo.

Uscirò fuori dal coro nel momento in cui scrivo che queste persone non sono eroi, compiono gesti e si assumo responsabilità da eroi, ma sopratutto sono umani, come noi.

In questo momento di smarrimento ed incertezza l’idea di essere salvati ci solleva.

Parallelamente a ciò, quello che sta succedendo è che stiamo lasciando a queste figure professionali la responsabilità di un impegno sociale.

Sono loro che devono risolvere la cosa, solo gli eroi ci salveranno. È vero in questo momento per noi sono fondamentali, ma lo sono sempre stati. I medici, gli psicologi ospedalieri, infermieri, Oss e gli operatori igienico sanitari ci hanno sempre salvato, prima della pandemia, incidenti casuali o dovuti a nostri sbagli e altro ancora, eravamo in pericolo e siamo stati aiutati.

Ai tempi in cui non erano eroi, bensì sotto giudizio assoluto poiché sbagliavano e dovevano essere puniti con una causa legale. In certi casi, cause legali legittime altre volte meno, generalizzando tutto si mischia, tutti vengono chiamati “eroi” e altrettanto facilmente “criminali”.

La morte come la malattia non sono accettate facilmente, in questo periodo è ancora più difficile, attraversiamo delle fasi una di queste è la rabbia verso qualcuno o verso noi stessi perché non hanno, non abbiamo fatto abbastanza.

Dobbiamo molto al personale sanitario, alcuni di noi anche la vita Non dimentichiamo che in quanto umani, possono essere stanchi, possono ammalarsi non per forza di Covid-19, ma anche di Stress post traumatico, stress lavoro correlato fino ad arrivare al Burnout. Proclamare eroi qualcuno è come dire “lui può ed io che sono umano non posso fare niente”. Diamo tutta la responsabilità di questa situazione a qualcun altro, la patata bollente non è nostra.

Ci sono delle persone più specializzate, ma ciò non vuol dire che non possiamo fare niente, non siamo inutili.

Tutti noi possiamo fare qualcosa in questa situazione e già c’è qualcuno che lo sta facendo.

Possiamo aiutare il prossimo, collaborare e riscoprire la la generosità. Siamo tutti uomini e donne, tutti con il potenzialmente capaci di fare del bene, il personale sanitario sta facendo la sua parte, possiamo fare noi la nostra.

Riscopriamo il nostro potere personale, fiducia in noi stessi e autostima ne fanno parte.

Chiediamoci cosa possiamo fare, anche rimanere a casa mantenere le distanze anche quando camminiamo, e seguire le regole è qualcosa. Possiamo riscoprire il valore dell’altro oltre che il nostro.

Se vogliamo possiamo

Prendiamoci le nostre responsabilità e diventiamo agenti attivi del cambiamento e della salute della comunità alla quale apparteniamo.

Agiamo uniti non solo contro qualcosa o qualcuno, ma per noi e per il bene di tutti noi.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker