fbpx
ArteCulturaSenza categoriaTeatro

Gulotta come un granello di sabbia

Storia di un innocente al Must Musco Teatro

Il secondo spettacolo in programma per la settima stagione di Palco Off a Catania vede in scena la storia di Giuseppe Gulotta.

Un caso giudiziario lungo trentasei anni. Giuseppe Gulotta interpretato dal passionale Salvatore Arena. Il palco del Must Musco Teatro quest’anno si aggiunge ai luoghi che ospitano la rassegna diretta da Francesca Vitale. Sempre attenta nel proporre ai catanesi ottimi spettacoli, riporta il Teatro allo scopo per cui è nato. Divertire, impressionare, fare riflettere.

Il magnifico testo di Salvatore Arena e Massimo Barilla ha commosso il pubblico su una storia forse poco conosciuta.

Si tratta della vera storia di Giuseppe Gulotta. Del suo calvario con la giustizia durato ben trentadue anni di cui ventidue di carcere. Tramite una notte di tortura fisica, Gulotta a 18 anni viene arrestato e costretto a confessare  l’omicidio di due carabinieri. Solo dopo anni di indagini e insabbiamenti si scopre che forse Gulotta è stato “scelto” come carpo espiatorio. I due agenti di Alcamo, infatti, stavano indagando su affari scottanti. È così che vengono fuori, in una vicenda torbida, affari di droga, traffici di armi e uomini dello Stato troppo vicini a gruppi neofascisti.

Un caso che se non fosse vero potrebbe sembrare il frutto della penna di un talentuoso giallista.

Giustizia, dopo trentadue anni è stata fatta per Gulotta. Ma come ci tiene lui stesso a precisare al pubblico accorso ad assistere alla sua storia, giustizia ancora rimane oscura per i due carabinieri uccisi da una mano segreta e per cui ha pagato sulla sua pelle.

Gulotta, invitato da Francesca Vitale, sale sul palco alla fine dello spettacolo. Così come è uso di Palco off in cui attori e regista si offrono alle domande e alle riflessioni del pubblico. Per niente afflitto ma fiero si mostra commosso, a testa alta, fiero della sua nuova felicità. Quella di una libertà conquistata con la forza della dignità accanto a sua moglie. Una splendida storia d’amore che sembra anche questa la favola di un romanziere.

Gulotta interpretato da Salvatore Arena

Lungi dal gettare discredito sullo Stato o sulle forze dell’ordine per tutto ciò che ha dovuto subire. È uscito riabilitato dopo un processo di revisione e questo è quello che conta. Anzi, come afferma Gulotta stesso, è vero che agenti corrotti lo hanno fatto soffrire ma è anche vero che giudici onesti lo hanno scagionato. Nessuno potrà restituirgli anni di libertà negata, sanare le ferite mostruose della tortura fisica e forse per questo il sorriso e la serenità con cui si mostra è ancora più prezioso.

Palco off, lo abbiamo già detto, continua ad avere un ruolo importante nel panorama culturale catanese e mostra sempre più la qualità di cui la nostra città può essere capace.

Mostra di più

Alfredo Polizzano

Siciliano di nascita in un tempo indefinito, libraio eclettico ha fatto della curiosità la sua ragione di vita e della bellezza la sua guida. Due grandi passioni professionali, i libri e il teatro, in cui la vita è l'eterno presente di un tempo che non è mai stato ma che sarà per sempre.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button