LifeStyle

Giurisprudenza e animali con Gianluca Polastri

La giurisprudenza ha fatto passi da giganti circa l’affido degli animali: ne parla Gianluca Polastri, avvocato e ospite della rubrica “Un caffè con…” di Alfredo Polizzano.

L’affido condiviso al pari di un bambino

Come i bambini, gli animali in quanto non indipendenti, necessitano di cure. Le pratiche legali, dunque, in caso di separazione di una coppia risulta necessarie qualora non si trovasse un accordo tra le parti. Importante il caso del Tribunale di Sciacca che, con sentenza del 19 febbraio, ha previsto l’affido condiviso di un cane e un gatto a seguito di una separazione tra coniugi.

«È una sentenza storica. Per la prima il giudice ha deciso in una situazione in cui la coppia non voleva trovare un accordo condiviso. Scegliendo una via legale, è stato imposto l’affido condiviso, come succede con i figli. Era una coppia particolarmente litigiosa. Alla fine il cane passerà una settimana con l’uno e una con l’altro, mentre il gatto starà con l’ormai ex marito. È davvero importante che nell’evoluzione della giurisprudenza si è passati dal considerare il cane o il gatto come semplice oggetto a vederlo come un essere senziente e paragonare il suo stato a quello dei minori», afferma l’avvocato.

Le modalità di valutazione per l’affidamento

Per stabilire a chi delle due parti verrà affidato l’animale, vi sono degli aspetti da valutare. Uno tra questi è l’applicazione del trattato di Lisbona, che prevede il benessere dell’animale non solo fisico, ma anche affettivo e psicologico. Il giudice, inoltre, terrà conto dell’intensità del rapporto che hanno istaurato i padroni con il proprio animale.

«Ora viene “ascoltato” l’animale. Un avvocato che conosco ha voluto persino conoscere il cane per capire come viveva e reagiva insieme ai due padroni. Tendenzialmente si cerca di capirlo attraverso i due proprietari. Anch’io mi sono occupato di un caso. Inoltre non è più decisa la proprietà formale: l’animale non verrà affidato alla persona indicata sul microchip ma al padrone con cui ha un legame più forte», conclude Gianluca Polastri.

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.