fbpx
PoliticaPrimo Piano

Giovanni Grasso lascia il M5S

L'indiscrezione da via Filocomo

Giovanni Grasso, consigliere comunale di Catania candidato a sindaco per il M5S alle scorse amministrative, è a un passo dall’uscita del gruppo grillino.

Trambusto a Palazzo degli Elefanti

Fonti interne all’M5S hanno rivelato quanto si sarebbe verificato nei giorni scorsi nel meet up catanese.

Un messaggio vocale inviato per errore da Giovanni Grasso nella chat degli attivisti di via Filocomo, sede ufficiale del M5S di Catania, avrebbe compromesso la sua permanenza.

Il consigliere grillino avrebbe screditato gli altri componenti del suo gruppo, rivelando una fantomatica strategia per penalizzarli. Il destinatario del messaggio si individua nel presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione.

Il senatore Mario Michele Giarrusso avrebbe perciò accusato di doppiogiochismo il portavoce del civico consesso mettendolo alla porta. Tra gli attivisti ventilava comunque già da tempo l’ipotesi che Giovanni Grasso stesse programmando il passaggio nel gruppo di Grande Catania se non addirittura a fianco di Salvo Pogliese.

A riprova, il consigliere ha infatti sospeso la propria pagina facebook istituzionale legata al Movimento 5 Stelle.

Quali effetti politici la potenziale perdita di Giovanni Grasso per il M5S?

La perdita avrebbe effetti decisivi nell’equilibrio politico dell’M5S catanese. La sua candidatura a sindaco ha infatti permesso al partito grillino di conquistare il 16,5% delle preferenze, consentendo quindi una crescita esponenziale dei consensi elettorali sul territorio.

Notevole è stata infatti la differenza nel risultato incassato rispetto alle precedenti amministrative.

Alle precedenti amministrative il M5S rappresentato al tempo da Lidia Adorno non ha consentito l’ingresso del gruppo grillino durante la sindacatura di Enzo Bianco.

LEGGI ANCHE:

Giovanni Grasso e l’abbandono dell’M5S

 

 

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker