fbpx
Antonio FerlitoBlogNews in evidenza

GettonAci, l’analisi e lo sfogo. Da Acese mi sono sentito tradito

Dobbiamo tutelare l’immagine della nostra città.
Con queste parole esordisce il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo in un articolo pubblicato oggi su La Sicilia.
Poche parole ma significative, chiare che non lasciano spazio a dubbi direte voi… beh, sui dubbi invece potremmo scrivere una Treccani. Da Acese mi sono sentito tradito ma non mi sono per nulla stupito della farsa gettonopoli. Vedendo l’intervista rilasciata dal presidente del consiglio comunale Rosario Raneri ho percepito come oltre a volersi arrampicare sugli specchi questa Amministrazione si sia messa in testa riuscendoci almeno fin ora a trattare l’acese come un ritardato mentale incapace di sviluppare senso critico, forse figlio di una predisposizione innata a salir sempre e comunque sul carro del vincitore mascherando goffamente l’attitudine a leccare sapientemente qualsiasi culo che sieda su poltrone più o meno ambite. Tutelare l’immagine della città significa lavorare per la città, significa riconoscersi meriti e demeriti senza indignarsi quando si viene scoperti con le mani nella marmellata perché la parte lesa in questa storia sono i cittadini e non la maggior parte degli incapaci che formano il civico consesso. Ad Acireale invece le cose funzionano diversamente: ci si indigna se scoperti. Voi ci mettete alla berlina e noi dobbiamo tutelare l’immagine della città rimanendo in silenzio:)))

Ad Acireale in questi mesi ci hanno voluto far credere che la pista ciclabile ( cosi la chiamano) sia un deterrente al parcheggio selvaggio. Ad Acireale la posa della prima ipotetica pietra al teatro Bellini la chiamano inaugurazione. Ad Acireale un’élite di scienziati del cambiamento si è messa in testa di prenderci per il culo e guai se li contraddici o peggio ancora li smascheri perché si indignano. Io non faccio parte di quella moltitudine di miei concittadini che hanno votato questa giunta pertanto la mia indignazione è tanta ma almeno non ho sulla coscienza l’aver creato 30 nuovi posti di lavoro a tempo determinato. A chi invece ha dato il proprio voto agli “illuminati” che osservano i pavoni, che distribuiscono giocattoli, che giocano a tombola, che degustano i gelati durante il carnevale, che osservano i volti dei turisti in corso Umberto ecc ecc spacciando queste buffonate per commissioni di pubblica utilità chiedo solo di fare tesoro di tutto ciò. Se ci facciamo trattare da cretini, magari un po’ lo saremo….Io da parte mia tutelo l’immagine della mia città, la mia intelligenza e la mia dignità non votandovi e non avendolo mai fatto.
Salvaguardare l’immagine della propria città non significa fare finta che tutto vada bene ma significa dire basta a queste volgarità che offendono l’intelligenza di ognuno di noi. Siete una classe politica ridicola, inadatti anche ad amministrare un condominio figuriamoci una città. Siete riusciti a farci passare gratuitamente su TG1, TG2, TG3, TG5, Studio aperto e Rete4 grazie al vostro zelo e per questo siamo da 3 giorni visibili e splendenti come lo era il faro di Alessandria d’Egitto. Con la storia del cambiamento avete oscurato Zelig, Colorado cafè, Made in sud e la sai l’ultima. Basta, cambiate disco.

Salvaguardare l’immagine della propria città significa fare un passo indietro, domandare SCUSA ai cittadini e dimettersi in quanto INDEGNI. Gente senza speranze, analfabeti, ignoranti, incapaci, arrampicatori sociali e pesci pulitori meglio intesi come “ciaura pirita” la cui unica possibilità è vivere alle spalle dei contribuenti facendo politica nei bar.
La cittadinanza solidale dopo i presunti attentati intimidatori vi andava bene;
la cittadinanza indignata per i vostri giochi sporchi non vi sta bene? Altro che fiaccolate per la legalità, qui ci vorrebbe una pioggia di uova, possibilmente di pavone per farvi ridimensionare il delirio di onnipotenza Renziana che vi pervade. Il teatro Bellini NON ESISTE, la pista ciclabile è una CAGATA PAZZESCA, una mera presa per il culo e lo pensano tutti, anche i servi che vi osannano. Basta poco a salvaguardare l’immagine di Acireale, basterebbe un briciolo di competenza, onestà e coerenza ma forse sto sconfinando nella fantascienza.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker