CronachePrimo Piano

Gestione rifiuti, Legambiente: siamo di nuovo al punto di partenza

A quanto pare la questione rifiuti, in Sicilia è di nuovo aperta. Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente non sembra soddisfatto dalle promesse portate avanti dal governo Musumeci. «Siamo di nuovo al punto di partenza, come nel gioco del Monopoli dove si riparte dal Via. Ad ogni nuova legislatura, si ridiscute tutto per stabilire chi deve fare cosa nel ciclo dei rifiuti in Sicilia».

«Si prevede la riscrittura del piano regionale,- continua Ciafani – si prevedono le nuove autorità d’ambito che devono, a loro volta, redigere i loro piani. Potrebbero passare anni prima che cambino le cose con tanti rischi, cioè che i rifiuti vengano ancora portati in discarica, o all’estero, che non parta la raccolta differenziata domiciliare in tutti i comuni, che non si realizzino in tempi brevi i necessari impianti per il riciclo, a partire da quelli per il trattamento dell’organico e che non si attivi la tariffa puntuale».

Anche Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, non si esprime di certo con toni dolci: «Una legge in meno ed un impianto in più. Fare una legge di 30 articoli fa perdere solo tempo, e la Sicilia non ne ha» dichiara.

«Propendiamo – continua – per un percorso più snello, con poche modifiche e integrazioni alla legge 9 del 2010, mai applicata perché stravolta dal governo Crocetta con l’assessore Nicolò Marino con danni ingenti ai Comuni, economici, materiali e morali. In ogni caso, la prima riforma corretta è la riduzione delle autorità d’ambito che, però, non possono essere disegnate in base ai territori delle ex province, ma sulla base della localizzazione degli impianti di trattamento (che spetta alla Regione), a partire dall’umido. Occorre, quindi, ottimizzare la programmazione degli impianti con le autorità d’ambito».

In merito all’emergenza rifiuti, infatti, a maggio scorso, il governatore Nello Musumeci aveva emanato un avviso pubblico esplorativo. L’obiettivo era quello di svolgere un’indagine di mercato per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per il trasporto, il recupero e/o lo smaltimento dei rifiuti al di fuori del territorio della Regione siciliana.

Inoltre, il provvedimento, firmato dal dirigente generale del Dipartimento dell’acqua e dei rifiuti e della struttura Commissariale Salvatore Cocina prevedeva che gli operatori economici inviassero la propria manifestazione di interesse entro l’1 giugno 2018.

Per quanto riguarda, invece, il fermo della raccolta differenziata in alcuni comuni siciliani, il deputato regionale del M5S Giampiero Trizzino avanza le sue proposte: «l’unico modo per salvare i comuni siciliani dal caos rifiuti è rendere noti i nomi degli operatori economici che hanno risposto alla manifestazione di interesse, pubblicata un mese fa dalla Regione per inviare la spazzatura prodotta nell’Isola fuori dalla Sicilia».

Trezzino continua: «Questa soluzione è stata suggerita e individuata a gennaio dallo stesso Governo regionale per ottenere poteri speciali per la gestione dell’emergenza, partendo dal presupposto che le discariche in Sicilia avrebbero avuto un’autonomia di qualche mese».

«Allora era stato proprio il presidente della Regione ad affermare che già a giugno, senza poteri speciali, in Sicilia sarebbe stato il caos, Musumeci e Pierobon dicano chi ha risposto all’avviso, scaduto quasi un mese fa».

«Questo scaricabarile tra Regione e comuni è intollerabile. Vogliamo nomi e cognomi delle società disposte a farsi carico dei rifiuti prodotti in Sicilia» È la conclusione del deputato cinquestelle.

EG.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.