fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Gay Pride a Catania e in altre città ma a Latina “W la figa”

Ieri giornata del Gay Pride in tutta Italia, anche a Catania.

Questo il comunicato inviato dal Comune di Catania:

“Catania come laboratorio di una cittadinanza fondata sulle differenze e sulle molteplicità.
Questa la visione del sindaco Enzo Bianco, espressa nel suo intervento in piazza Teatro Massimo al termine del corteo del Gay Pride, partito da piazza Borgo.
“Il Pride – ha detto Bianco – narra l’impegno civile della comunità Lgbt catanese fin dal 1994, 23 anni fa, ed entra dunque a buon diritto nella storia dello sviluppo culturale e sociale di una Catania europea e internazionale che, pur tra mille difficoltà, sa dimostrarsi casa per comunità tra loro differenti. I tanti avvenimenti che ho seguito oggi in città dimostrano come Catania possegga tante anime capaci di contaminarsi e arricchirsi reciprocamente. Ed è proprio questa apertura, questa vivacità senza barriere, a rendere la nostra una città profondamente inclusiva, ricca di umanità”.
Bianco ha sottolineato anche la volontà di rilanciare le tante periferie, a cominciare da quelle nel cuore della Città come San Berillo.
“Gli eventi del Pride – ha sottolineato il Sindaco – si sono svolti là, accendendo i riflettori non soltanto sulla marginalità spesso disperata delle persone transessuali che vi vivono, ma, come evidenziato durante la conferenza stampa, sorprendentemente anche sull’inclusività di quel quartiere che ha saputo proteggere gli ultimi”.
Bianco ha parlato inoltre della battaglia per l’eguaglianza delle coppie dello stesso sesso, che “Ha conseguito finalmente un primo traguardo, quello delle unioni civili”.
“Ma le Città – ha aggiunto – hanno il polso dei bisogni e delle aspirazioni delle persone e anticipano certi percorsi: Catania ha sentito il bisogno di creare un registro delle unioni civili prima della legge nazionale e la nostra Amministrazione combatte ogni giorno la sua battaglia per l’eguaglianza dei cittadini.
Bianco ha infine toccato la questione degli spazi pubblici, che devono essere patrimonio di tutti.
“Una Città libera – ha detto il Sindaco – apre sé stessa ai cittadini. Il porto ne è un esempio. Ma la sarà riscoperta e la rinascita dei quartieri feriti a restituire dignità a tanti Catanesi e respiro e vita alla nostra città”.

Come detto anche in altre città c’è stato il Gay Pride fra le quali Latina dove un imprenditore ha deciso di esporre dal balcone di casa sua un manifesto con la scritta “W la fica”.

I carabinieri hanno fatto togliere il manifesto.

Questo il messaggio che l’imprenditore ha scritto per e-mail alla redazione di latina24ore.it:

“Non sono un omofobo – ha riportato nella sua email – ho voluto solo riaffermare i miei gusti sessuali. Comprendo la frase di impatto forte, ma a quale impatto stiamo andando incontro noi stasera? Posso essere anche io libero di esprimere i miei gusti sessuali? Niente è banale, la mia azione provocatoria è per sottolineare il fatto che viviamo in un mondo ricco di ipocrisie. Che differenza c’è fra un gay e un etero? Nessuna! Perché dobbiamo creare minoranze? I gusti sessuali fanno parte di una sfera personale. Perché farne una manifestazione? Il sistema politico, sociale e culturale oggi è provocatorio, e induce all’omofobia. Io non ci sto e per una parità di “genere” ho voluto dire la mia. Purtroppo è durata poco la mia libertà, mi hanno costretto con le buone maniere a togliere il mio manifesto. In un paese che si definisce libero mi è sembrato tutto così strano…”.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button