fbpx
PoliticaPrimo Piano

Garozzo: “3 candidati per il cetrodestra? Aprite il dialogo”

Il nome di Nino Garozzo come candidato sindaco circolava già da un anno ad Acireale e quando repentinamente si è parlato di elezioni la destra è andata a bussare alla sua porta. Lui però ha espresso un secco no «pur rammaricato» ha detto «oggi scelgo la professione d’avvocato che ho recuperato nuovamente dopo tanto impegno». Garozzo per 10 anni è stato primo cittadino di Acireale e sia in tempo di “pace” che in tempo di “guerra” poteva essere la persona giusta per riunire tutte le anime del centrodestra.

Allo stato dell’arte invece ci sono Michele Di Re che questa mattina è ufficialmente sceso in campo con una lista civica, il consigliere comunale Giuseppe Calì e l’ex sindaco Nino Nicotra.

Ipotesi di candidature queste ultime? Garozzo ci tiene a precisare «non mi sembra che Calì e Nicotra siano propensi ad essere solo delle ipotesi e l’esperienza mi dice che quando vanno ad incacrenirsi i rapporti politici e ciascuno comincia a costruire le sue liste, poi diventa difficile tornare indietro». Quindi la destra è spaccata e se da una parte l’ex sindaco ha a cuore il destino politico di Calì che è un giovane cresciuto e formato sul solco della sua linea amministrativa, dall’altra, nutre rispetto per Michele Di Re che è la scelta di Basilio Catanoso.

Secondo Garozzo un terzo estraneo, dall’alto, non può imporre la sua scelta «Le coalizioni si stanno formando da liste civiche proprio per non rispondere ai partiti politici, oggi nessuno può imporre candidature dallo scranno nazionale e neanche Nello Musumeci entrerà in questa partita, lo conosco, e so che manterrà un ruolo istituzionale». Che fare allora, le primarie? «non sono nel dna del centrodestra, si arriverebbe dilaniati al voto anche se apprezzo la proposta di Calì che rirengo essere provocatoria – afferma ancora – io inviterei tutti al buon senso, cioè a parlarsi… a meno che ognuno sia convinto di sbaragliare da solo gli avversari» Oppure di candidarsi e poi vedere cosa succede «Se c’è frammentazione, si va sicuramente al ballottaggio – risponde – il primo turno diventa una sorta di primarie e con le liste civiche è facile fare alleanze.»

Mentre tutti parlano del centrodestra, così spaccato, c’è un fronte silente che pure potrebbe trarre giovamento da queste divisioni: D’Agostino che o conduce una campagna elettorale in prima persona proponendo uno dei suoi o più probabilmente riesce lui a stringere un accordo che potrebbe rivelarsi fruttuoso andando ad appoggiare la candidatura di Rito Greco «Io non sottovaluterei le potenzialità elettorali del fronte D’Agostino, vedremo cosa farà. Per quanto riguarda Greco, credevo scendesse in campo suo figlio Michele, e comunque se riuscirà a riunire quell’area sarà un candidato di tutto rispetto».

Quanto al Movimento 5 Stelle l’ex sindaco è chiaro, i pentastallati non possono avere la meglio «Non sarà il solito flop da amministrative, prenderanno un punto in più anche perchè hanno fatto una scelta sul fronte del candidato che è più strategica ma si tratta pur sempre di uno schieramento limitato ad una sola lista e l’effetto trascinamento previsto per le coalizioni ancora una volta avrà la meglio, sempre che vi siano le coalizioni…»

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button