fbpx
IntervisteNews in evidenza

Galimberti: “La nuova super Camera di commercio controllerà Fontanarossa”

“Con la realizzazione della Camera di commercio della Sicilia orientale, gli imprenditori possono dire la loro sulla gestione dell’aeroporto di Fontanarossa. Perché questa nuova super Camera avrebbe almeno il 60% dell’aeroporto stesso“. Riccardo Galimberti, presidente della Confcommercio di Catania, guarda al futuro e alle conseguenze che potrebbero derivare dalla riforma delle Camere di commercio (CCIAA) in Sicilia: è un’occasione ghiotta per Confcommercio e Confindustria, soprattutto perché nel blocco orientale si concentrerebbe, appunto, circa il 60% della Sac spa, la società mista che gestisce l’aeroporto catanese. Una percentuale che garantirebbe il controllo totale e darebbe un notevole peso a chi si aggiudica i vertici della nuova CCIAA sulle decisioni che riguardano l’aeroporto internazionale di Fontanarossa.

Con l’accorpamento si ha una super Camera – precisa Galimberti – che diventa, per importanza, tra la quinta e la sesta Camera di commercio italiana, che, comprendente i territori di Catania, (Messina,ndr), Siracusa e Ragusa, accorperebbe 140.000 imprese iscritte e 500.000 mila addetti”. Con “un forte risparmio dal punto di vista della struttura e dei consigli di amministrazione”, una logica che va “incontro alle esigenze della politica governativa“.

Quindi, con la riforma, le Camere di commercio passeranno da 9 a 3. Palermo con Enna, poi Trapani, Caltanissetta e Agrigento ed infine il blocco della Sicilia Orientale. Ma le azioni della Sac spa in mano alle CCIAA ragusane, catanesi e siracusane?

Non è che cambi qualche cosa: fino ad adesso il consiglio di amministrazione della Sac ha agito, pur se nei principi della legalità, ma senza una sostanziale partecipazione delle rappresentanze sindacali. Realizzandosi questa Super Camera, gli imprenditori possono dire la loro sulla gestione dell’aeroporto. Perché questa nuova super Camera avrà almeno il 60% dell’aeroporto stesso”.

Il Comune di Catania vorrebbe avere un peso maggiore, nel governo dell’aeroporto. Che ne pensa?

“Nella valutazione del famoso terreno dato dal Comune all’aeroporto di Catania, l’eventuale permuta non penso possa superare un 3-5% dell’intero pacchetto. Mi sembra anzi una super-valutazione. Comunque è positivo che il Comune partecipi – continua il presidente etneo -, perché stiamo parlando della cosiddetta Area Metropolitana di Catania. E’ giusto e corretto che il Comune possa dire la sua ed esprime anche un pacchetto di rapporti importanti, e Bianco ce li ha, su questo argomento. Però in sinergia con l’Ente Camerale“.

Insomma, il Comune di Catania potrebbe avere un proprio ruolo, ma non avrebbe peso decisionale. La vera partita si disputa tra Confcommercio e Confindustria, da alleati o avversari. Dice il presidente: “Si deve fare una nuova procedura e le associazioni esprimeranno, con il loro potenziale numerico di imprese e addetti,” i loro esponenti nel nuovo Consiglio Camerale e nella Giunta. Tuttavia il rappresentante di Confcommercio precisa che “neanche Confindustria è un concorrente, anzi. Questo è il momento di mettere da parte le divisioni e in un spirito democratico di appartenenza al territorio, si farà una nuova procedura e si troveranno nuovi equilibri. Non dimentichiamo che i nostri partners sono il Ministero dello Sviluppo economico, l’Assessorato alle Attività produttive e la Regione Sicilia. ”

Uniti per conquistare le due dame, una scena degna di Cyrano. Appuntamento importante fissato per martedì prossimo, quando si discuterà sulla procedura da attuare per la neo super Camera.

(Foto strettoweb.com)

Tags
Mostra di più

Alberto S. Incarbone

21 appena compiuti ed una vita da studente davanti, di fronte a me vedo sempre nuove vie d'uscita. Gioco a fare il giornalista da quasi due anni, collaborando con TRA tv e Il Mercatino, anche se qualche volta mi diletto a fare il cameriere. Amo viaggiare a piedi per la Sicilia, ma soprattutto parlare, parlare con i vecchi. Radio, televisione, carta stampata e web non mi bastano: sogno una terra vergine da esplorare, in cui comunicare col pensiero. Nel frattempo mi trovate in giro ad intervistare qualcuno, sperando di fare domande intelligenti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker