fbpx
LifeStyle

Galateo in spiaggia

Mini guida estiva su cosa fare e non fare a mare

Il galateo come le buona educazione, unite al buon senso e allo stile non vanno mai in vacanza, soprattutto se andate a mare e non avete un Isola sperduta nel Pacifico tutta vostra!

In questi tempi social, di instagram stories, di condivisone e ostentazione c’è chi si sente legittimato a pensare che in vacanza tutto è concesso.
Si pensa che non ci sono regole-obblighi-doveri, come se in vacanza, la libertà di fare ciò che più ci piace abbia la meglio, vincendo su tutto e tutti.

Capita spesso di osservare situazioni che hanno del surreale, ascoltare conversazioni inopportune senza volerlo – e volte non basta isolarsi con un libro o degli auricolari – di vedere mise e outfit che feriscono gli occhi, il comune senso del pudore e la decenza.

E va bene che il mondo è bello perché è vario, che il detto “vivi e lascia vivere” è sulla bocca di tutti, che ognuno è libero di fare e tu puoi sempre voltarti dall’altro lato… ma…

La verità è un’altra!

Ricordate, lo spazio è vitale: se andate andate in spiaggia evitate di metter il vostro telo mare attaccato a quelli già presenti, tutti vogliono un posto in prima fila con il risultato che le spiagge già super affollate vedano l’invasione anche della battigia, tra sedioline e sgabelli, teli praticamente quasi in acqua.
Lasciate uno spazio di passaggio per tutti, che poi capita che vi sdraiate supini e quando cambiate lato vi trovate i piedi di qualcuno direttamente in faccia (quando vi va bene).

E va bene che vi volete abbronzare e seguite il sole come un girasole ma non siete soli, il sole è di tutti e lo spazio pure.
Evitate di seminare i vostri averi, tenete le vostre cose vicino a voi, senza invadere lo spazio altrui, borse, infradito, maschere, secchielli, formine e palette dei bimbi, lasciate libere le zone di passaggio, eviterete di causare scivoloni, che se la sabbia scotta fa sempre male!

Il silenzio è d’oro: provate a moderare il tono della voce che a nessuno interessano i fatti vostri. E nell’era tecnologica dove si è sempre connessi e reperibili, abbassate la suoneria dello smartphone o meglio mettete le vibrazione (spegnerlo manco a dirlo), usate gli auricolari, e se ricevete telefonate siate brevi, piuttosto se siete di chiacchiera alzatevi senza disturbare la quiete altrui.
La musica è il sottofondo della vostra vita?  Ma magari non di quella dei vostri vicini, abbassate il volume ed eviterete delle liti.

I giochi all’aria aperta spopolano sulla spiaggia, ormai quasi tutti gli stabilimenti balneari – ma anche le spiagge privare dei residence- sono attrezzati con delle apposite aree sportive (che poi quelli che fanno fitness con 40 gradi all’ombra io ancora li devo capire) e di gioco. Ma laddove fossero assenti fate ricorso al vostro buon senso: racchettoni, tamburelli, frisbee, palloni, palline sono divertenti, sulla battigia ancor di più perché c’è il venticello che vi accarezza il viso, ma non date fastidio a chi invece vuole godersi sole mare e relax.
Per le gare di tuffi capriole e simili, abbiate cura di non schizzare eccessivamente gli altri bagnanti. E che nessuno usi la frase “ma sono ragazzi/bambini”, l’educazione si insegna e si apprende da piccoli.

Non trasformate la doccia in una spa, siate celeri soprattutto se c’è la fila, ricordatevi che la doccia serve per rinfrescarsi o levare la salsedine, le pulizie minuziose e gli impacchi ai capelli fateli nelle vostre case.

La regola aurea Less Is More dovrebbe diventare un mantra per ogni occasione, ancor di più in spiaggia. E allora non indossate gioielli come fosse la prima alla Scala, evitate gli orecchini a lampadario coordinati al bikini, collane e bracciali -che poi vi restano i segni-.
Lo stesso vale per il make up, se non sapete rinunciare almeno usate i prodotti waterproof evitando di diventare un mascherone sciolto al sole.

Ci sono contesti che permettono di essere più liberi ed esibizionisti senza difficoltà, altre volte è meglio usare qualche accorgimento. Se volete prendere il sole in topless abbiate il buon gusto rimettervi il pezzo di sopra ( anche solo per evitare di creare imbarazzi negli altri), soprattutto quando vi alzate per andare a fare una passeggiata, per andare alle docce o per conversare con qualcuno.
Insomma meglio se restate sdraiate che non sempre avete 20 anni e tutto regge, la forza di gravità arriva per tutte.
E comunque ad una certa età, e non solo, è bene sapere che il costume intero è tornato di gran moda in versione glam chic, il must have dell’estate anche tra le giovanissime!

Se decidete di regalarvi una giornata al lido e mentre siete lì di usufruire del ristorante, vestitevi, un prendisole, un caftano, un pareo, un po’ di stile sarà apprezzato ed ammirato, in ogni caso vestitevi sempre se vi alzate dal vostro lettino per andare al bar, al ristorante, all’area relax, ai servizi o in generale per un passeggiata.

Ancor di più è vivamente consigliato agli uomini, se vi siete allenati tutto l’inverno e avete il fisico, fidatevi, si nota anche se avete una polo o una T-shirt. I petti villosi, e non, mentre si mangia non sono graditi.

Capitolo a parte la sabbia: mai e poi mai sollevare la sabbia, correndo radenti ai teli mari, sbattendo le infradito, costruendo castelli e facendo buche manco fosse uno stage di archeologia, in assoluto mai scrollare la sabbia dal proprio telo mare verso il vicino, piuttosto studiate la rosa dei venti!

Non ci sono scuse, a fine giornata raccogliete tutto quello che avete portato, non solo i giochi e i giornali, ma soprattutto la spazzatura che avete prodotto, “carte e cartuzze“, fazzoletti, bottiglie, carta di gelato. La spazzatura voi la fate e voi ve la riportate. E se ancora non avete smesso di fumare, nonostante anni di informazione e prevenzione, abbiate l’accortezza di munirvi di un portacenere da spiaggia o improvvisarne uno di emergenza.

Lasciate tutto pulito come lo avete trovato, il buon esempio e la buona educazione possono esser contagiosi e migliore il mondo in cui viviamo.

Tags
Mostra di più

Giada Condorelli

Un incrocio di razze, culture e religioni, fa di me una curiosa cronica. Padre siculo normanno, da Lui eredito creatività ed amore per l'arte in tutte le sue forme. Madre libica di origine armena, da Lei eredito la forza di volontà ed il valore dell'arricchimento reciproco. Una Laurea in Politica e Relazioni Internazionali, un matrimonio d'amore, un Blog e infiniti sogni. Del multitasking ho fatto una filosofia di vita. Appassionata di moda senza esserne schiava, beauty addicted, amante del healthy food, per necessità, con mise en place chic! Foto e lifestyle sono parte integrante delle mie giornate...Pinterest ed Instagram la mia ossessione. Riesco a trovare la bellezza in ciò che vedo e la positività in ciò che accade. "L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai" ( Audrey Hepburn )

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker