fbpx
Cronache

Fsi-Usae: sit-in di protesta contro i 40 licenziamenti dell’Unict

Venerdì 24 luglio, a partire dalle 9,30, piazza Università ospiterà il sit-in di protesta contro i 40 licenziamenti dell’Università di Catania. La manifestazione, infatti, si terrà proprio davanti alla direzione dell’Università degli Studi di Catania.

«La manifestazione è stata indetta – spiega Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti-dopo che l’Università non ha rinnovato ad aprile scorso i contratti, lasciando i lavoratori a casa».Rendono noto il tutto: il segretario regionale e territoriale Catania Calogero Coniglio e i dirigenti sindacali Maurizio Cirignotta, Salvatore Bellia, Gaetano Zappalà, Domenico Muscia e Biagio Cirino.

«Dopo la nostra richiesta d’incontro del 26 maggio scorso, il Direttore Generale, Giovanni La Via, ci ha confermato l’impossibilità di poter stabilizzare i lavoratori.» proseguono i portavoce Fsi-Usae. «Per  noi, i lavoratori rimasti fuori dalla Legge Madia, possono essere stabilizzati con il decreto Mille proroghe (legge 8/2000) avendo maturato 3 anni di servizio ad aprile.»

Tuttavia, continua Federazione Sindacati Indipendenti: «Il direttore generale ha concluso che tale procedura può essere attuata tenendo conto dei vincoli di bilancio a fine anno sulla base del numero degli introiti dalle iscrizioni di studenti che si iscriveranno nell’Ateneo».

Molti lavoratori si occupavano della manutenzioni dei giardini dislocati in diverse facoltà

Molti dei lavoratori rimasti a casa si occupavano della manutenzione dei giardini dell’università dislocati in diversi siti della in città. Per citarne alcuni, tra le sedi umanistiche:palazzo di San Giuliano, l’ ex Accademia di belle arti, villa Cerami, l’ ex  monastero dei benedettini, l’ ex convento delle Verginelle Piazza Dante, palazzo Ingrassia. Sedi scientifiche: la facoltà di agraria, al palazzo delle scienze, al palazzo Fortuna, villa Zingale Tetto, l’ ex convento vergini al borgo, cittadella universitaria, l’osservatorio astronomico, torre biologica, al polo bioscientifico.

«Ci auguriamo-concludono i sindacalisti-che il direttore generale La Via possa concederci un incontro e fornire garanzie certe, adeguate e accurate per reintegrare i lavoratori con una programmazione anche triennale senza creare ulteriore precariato».

G.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker