CronacheNews

Frontex: le dichiarazioni del Sindaco Bianco dopo il sopralluogo nell’ex convento di Santa Chiara

“Un’ Europa più vicina al nostro territorio con un’azione più efficace per affrontare l’emergenza migranti e un grande riconoscimento per la Sicilia e per la città”

Questo è quanto ha dichiarato il sindaco di Catania Enzo Bianco durante il sopralluogo effettuato ieri  nei locali dell’ex convento di Santa Chiara che ospiteranno la sede operativa regionale di Frontex. Si tratta di 13 stanze per un totale di 600 metri quadrati.

“I confini siciliani non sono solo quelli del nostro Paese ma anche i confini dell’Europa – ha detto il sindaco Bianco – Ho ritenuto che fosse indispensabile che Frontex avesse un suo ufficio qui in Sicilia dove arrivano centinaia, migliaia di immigrati tutte le settimane. In questo modo potremo ricevere una mano per affrontare in maniera seria un vero e proprio dramma. La Sicilia ha dato una risposta straordinariamente generosa, adesso grazie a questa decisione sentiamo l’Europa un po’ più vicina. E quindi saranno anche gli altri Paesi europei a farsi carico di questo problema che non è solo dell’Italia e della Sicilia”.

Il percorso che ha portato l’apertura di Frontex a Catania è stato molto lungo. Bianco ha infatti ricordato che, da ministro dell’interno, lanciò una prima idea nel febbraio 2001 al commissario Antonio Vitorino, nel corso di un importante incontro bilaterale tra governo italiano e Commissione europea che si teneva a Catania. Il progetto era quello di realizzare uno studio di fattibilità che riguardasse la cooperazione tra forze di Polizia con lo scopo finale di creare una moderna polizia europea delle frontiere. Si discusse allora di immigrazione e sicurezza e si parlò di “una politica europea”. Lo studio fu fatto e da esso, sostanzialmente, nacque Frontex. Vennero anche annunciati in quel febbraio del 2001 la nascita di Eurodac, il sistema informatico per le impronte digitali degli immigrati, e Eurojust, il pool di magistrati e procuratori  che è l’ organo dell’Unione europea nel settore della cooperazione giudiziaria in materia penale.

“Frontex quindi apre a Catania – ha aggiunto Bianco – Il comune ha offerto una sede che è stata visonata e trovata adeguata e che sarà pronta entro la fine del prossimo mese di luglio. Se Frontex, come sembra essere nelle intenzioni della Ue, aprirà prima troverà allocazione provvisoria in dei locali messi a disposizione dalla polizia”.

“Locali che si trovano in una zona importante della città. Un antico monumentale convento che ospita anche altri uffici comunali  e che si trova in pieno centro storico vicinissima al Municipio ma anche alla sede della Comunità di Sant’Egidio che si occupa proprio di accoglienza”.

“Un riconoscimento dato a Catania ed alla Sicilia – ha concluso il Sindaco  – anche per sottolineare l’importanza che questa città, questa terra, con grande umanità e generosità, hanno avuto per fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione. Un segnale chiaro che abbiamo riconquistato il prestigio che negli ultimi tempi avevamo perduto”.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.