fbpx
NewsPolitica

Formazione, lo Snals Confsal contesta l’assessore Caruso

Polemiche e contestazioni per le ultime dichiarazioni dell’assessore al lavoro Caruso su Garanzia Giovani, dopo che i compiti di selezione sono stati attribuiti ai Centri per l’impiego e non più agli sportelli degli enti di formazione. L’Assessore ha infatti dichiarato che non ci sarà alcuna “macelleria sociale” per gli ex sportellisti, ma che la Regione promuoverà il reintegro dei lavoratori licenziati attraverso incentivi ai privati o il prepensionamento.

“Stiamo creando le condizioni – dichiara l’assessore –  affinché i lavoratori attualmente impegnati con il Piano garanzia Giovani possano avere assicurato un impiego anche alla scadenza del progetto attuale. Nessun ‘disimpegno’, dunque, ma al contrario il massimo impegno da parte del governo e dell’assessorato per il loro futuro lavorativo”.

L’idea però di un possibile reintegro in enti di formazione che hanno già licenziato a causa della mancanza di fondi e ritardi negli stanziamenti, risulta addirittura un controsenso. A contestare principalmente le parole dell’assessore è soprattutto lo Snals Confsal, che si chiede il motivo di ritardi di programmazione a piani che avrebbero potuto finanziare il settore. Le diverse sigle sindacali hanno deciso, inoltre, di scendere in piazza Venerdì 6 febbraio.

“Lo Snals Confsal contesta le dichiarazioni rese dall’Assessore al Lavoro Caruso in merito alle sorti del sistema dei servizi per il lavoro e sulla sorte dei lavoratori che vi operano.

L’inesperienza sua e di questo Governo Regionale nel programmare, progettare e nell’eseguire le attività di orientamento e, più in generale, il sistema delle politiche attive del lavoro sta cagionando ingenti danni alla Regione Siciliana ed ai suoi cittadini.

Infatti di recente il Governo Regionale ha perso circa un miliardo e duecento milioni (1,2 miliardi) di euro dei fondi del Piano di Azione e Coesione, risorse che sono tornate in disponibilità dello Stato e che non sono più in disponibilità dei cittadini siciliani.

Il Quadro Strategico Comune dell’U.E. (risorse economiche europee) in Sicilia non è stato ancora attuato, come se la Sicilia fosse disinteressata a questa programmazione.

I Programmi Operativi del nuovo Fondo Sociale Europeo 2014-2020 per circa un miliardo e duecentotrenta milioni di euro (1,230 miliardi di euro) e del Fondo Economico per lo Sviluppo Regionale per circa cinque miliardi e settecentoventinove milioni di euro (5,729 miliardi) con una dotazione economica complessiva pari a 6.959,2 milioni di euro, che la Regione Siciliana dovrebbe attivare, non sono stati ancora programmati per la loro attuazione. Noi siciliani perderemo pure questi soldi?

Altre ancora sono le dimostrazioni della’inesperienza amministrativa e gestionale dell’Assessore Caruso e di questo Governo Regionale, come il fatto che il Governo Regionale e l’assessore al lavoro si sono dovuti prostrare al cospetto del Governo Nazionale per ottenere la possibilità di attivare in ritardo la Garanzia Giovani e di poterne spendere le risorse per i giovani siciliani, diritto concesso per grazia ricevuta per il notevole ritardo sull’avvio.

Inerzia, superficialità ed incapacità si stanno concretizzando nella chiusura di servizi, nella dispersione di risorse economiche esterne al bilancio regionale e nel consequenziale licenziamento di lavoratori siciliani, anche di settori utili e/o necessari: comunque nulla giustifica il licenziamento e la chiusura dei servizi a fronte della restituzione di somme di denaro finalizzate.

Si assiste a singoli interventi di avvisi sporadici per la spesa di risorse che, sua bontà, l’U.E. continua, con pazienza, a metterci a disposizione, ancorché privi di una programmazione seria, utile e collegata alla transizione da una gestione della vecchia P.A. ad un’amministrazione moderna e comunitaria.

Questa inesperienza viene liquidata dall’Assessore al Lavoro, pescato fresco fresco, nei suoi comunicati dell’ultima ora nell’impossibilità di mantenere “personale inutile”.

Noi contestiamo con forza, in questa ed in tutte le sedi in cui potremo intervenire, un modus operandi ed una terminologia pronunciata da persone che nulla hanno a che vedere con la Buona Politica.

Noi contestiamo con forza, in questa ed in tutte le sedi in cui potremo agire, la chiusura di servizi e di sistemi di lavoro ed il consequenziale licenziamento del personale.

Noi contestiamo con forza, in questa ed in tutte le sedi in cui potremo comunicare il nostro pensiero, che i soldi messi a disposizione dall’U.E. e dallo Stato vadano dispersi da parte di una Regione Siciliana al collasso.

Noi contestiamo con forza l’uso eccessivo della Cassa Integrazione come strumento di programmazione per sostenere i servizi del lavoro e la formazione professionale, i lavoratori vogliono lavorare, dare servizi agli utenti, spendere tutte le proprie professionalità”

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker