NewsSport

Fondi-Catania 1-1. I rossazzurri si svegliano tardi, decisivo l’ingresso di Di Grazia

TABELLINO

UNICUSANO FONDI-CATANIA 1-1

MARCATORI: 45′ Calderini, 76′ Mazzarani.

UNICUSANO FONDI (5-3-2) 1 Coletta; 18 Galasso, 19 Tommasselli, 29 Marino, 6 Signorini, 3 Squillace; 8 Varone, 23 De Martino (dal 75′ Sernicola), 20 D’Angelo; 7 Tiscione, 24 Calderini. A disp. 30 Calandra, 2 Di Sabatino, 14 Mucciante, 21 Pompei, 11 Albadoro, 5 Bombagi, 20 D’Angelo, 16 Capuano, 17 Addessi, 9 Iadaresta. All. Pochesci.

CATANIA (3-5-2) 12 Pisseri; 6 Gil, 3 Bergamelli, 16 Marchese; 34 Baldanzeddu, 27 Biagianti, 4 Bucolo (dal 61′ Di Grazia), 21 Fornito, 20 Djordjevic; 32 Mazzarani (dal 91′ Barisic), 19 Anastasi (dal 54′ Tavares). A disp. 1 Martinez, 26 De Rossi, 33 Manneh, 15 Mbodj, 28 Parisi, 30 Piermarteri, 10 Russotto. All. Rigoli.

ARBITRO: Amabile della sezione di Vicenza.

AMMONITI: Bucolo, Biagianti, D’Angelo


Si conclude 1-1 il posticipo della 22/a giornata tra FondiCatania.

I rossazzurri acciuffano il pareggio in rimonta grazie al calcio di rigore realizzato da Mazzarani che risponde al vantaggio dei laziali firmato dall’ex Calderini.

Rigoli cambia  modulo e vara un inedito 3-5-2 con i nuovi innesti Marchese e Baldanzeddu in campo dal primo minuto.

Primo tempo tutt’altro che spettacolare caratterizzato dal forte vento e dalla volontà delle due squadre di non scoprirsi e lasciare spazio agli avversari. Etnei ordinati in campo ma come di consueto poco lucidi nell’impostare il gioco  e rendersi pericolosi in avanti.

Anastasi lanciato a sorpresa da Rigoli nell’11 iniziale è apparso troppo macchinoso e lento per poter impensierire l’attenta difesa della squadra di casa.

I laziali molto attivi sull’asse Tiscione-Calderini salgono di giri e trovano il gol proprio con l’ex rossazzurro abile nel prendere il tempo a Bergamelli e Gil di testa e battere proprio allo scadere della prima frazione Pisseri.

Nella ripresa Rigoli ripropone gli stessi interpreti dei primi 45 minuti, al 55′  la prima occasione degli ospiti con un tiro di  Biagianti che si perde a lato.

Al 61′ arriva, seppur tardivamente, il momento di Andrea Di Grazia che prende il posto di un nervosissimo Bucolo già ammonito e graziato dal signor Amabile.

Il tecnico del Catania cambia modulo passando a un più offensivo 3-4-2-1 con Di Grazia e Mazzarani a supporto di Tavares, subentrato ad Anastasi.

Al 66′ occasione nitida per i rossazzurri , Mazzarani conclude a botta sicura ad un metro dalla porta ma il pallone viene respinto sulla linea. Gli uomini di Rigoli spingono sulla destra, l’asse Baldanzeddu-Di Grazia costringe il Fondi ad arretrare il proprio baricentro e proprio su un’iniziativa partita dai piedi del numero 23 etneo Galasso colpisce di mano in area di rigore concendendo a Mazzarani il penalty del pari.

Nel finale il Catania si spinge in avanti ma è troppo tardi, finisce 1-1.

Gli etnei tornano a casa con un punto, che consolida la posizione in zona playoff a quota 29 punti. Pari giusto alla luce di quanto visto in campo ma c’è molto da recriminare, 1 ora di gara regalata agli uomini di Pochesci e i cambi tardivi di Bucolo e Anastasi rimangono i grandi rimpianti di questa trasferta in terra laziale.

Bene i nuovi arrivati, Baldanzeddu con la sua corsa costante sull’out di destra e Marchese a suo agio  sulla fascia opposta. Da rivedere Tavares che dovrà trovare la giusta intesa con i compagni di reparto

 

 

 

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.