EconomiaPrimo Piano

Da gennaio finaziamenti ai giovani con una parte a fondo perduto

il 35 % a fondo perduto e il resto finanziato con prestito a tasso zero

Da gennaio 2018 apre il bando Resto al Sud, destinato ai giovani dai 18 ai 35 anni, che vogliono fare impresa nel Mezzogiorno.

L’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente; una quota a fondo perduto del 35 % e il restante 65 con un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni. Un finanziamento bancario assistito da un contributo in conto interessi erogato da Invitalia e dalla garanzia prestata dal fondo per le piccole e medie imprese.

L’aiuto economico ammonta a un massimo di 50.000 euro. Nel caso di più richiedenti, già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, l’importo massimo del finanziamento è di 50.000 euro per ciascun soggetto richiedente, per un totale di 200.000 euro.

Dal 15 Gennaio si potranno presentare le domande. Lo sportello credito e finanza agevolata di CNA Catania sosterrà queste iniziative sul versante progettuale e della stesura del business plan; CNA farà ricorso a Unifidi Imprese Sicilia per facilitare l’accesso al credito in relazione alla gestione finanziaria dell’investimento.

I beneficiari

  • i soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni in possesso, alla presentazione della domanda, della residenza nelle regioni indicate dall’articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 91/2017, o che vi trasferiscano la residenza entro sessanta giorni (120 se rientrano dall’estero);
  • i soggetti che non sono titolari di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017 o beneficiari, nell’ultimo triennio, di altre misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

Modalità di accesso al bando

Le richieste, con relativa documentazione, saranno valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione prevista per il prossimo 15 gennaio 2018. Invitalia terminerà l’istruttoria entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda. Il procedimento di valutazione comprende la verifica della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni e l’esame di merito. Dunque, la verifica dei requisiti per l’accesso ai fondi riguarda la sussistenza delle caratteristiche dei soggetti richiedenti e le caratteristiche dell’iniziativa oggetto della domanda.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.