fbpx
CronacheNews

Festa di San Michele Arcangelo, sindacati polizia: “No agli sprechi”

Non sono contro la celebrazione della festa di San Michele Arcangelo, loro patrono, ma contro gli sprechi che questa comporta. I sindacati di polizia  S.I.U.L.P ed UGL-POLIZIA di STATO hanno proclamato lo stato di agitazione per denunciare lo sperpero del denaro pubblico da parte del Dipartimento della Pubblica Sicurezza per i festeggiamenti di San Michele Arcangelo.

Quest’anno il Capo della Polizia Pref. PANSA ha scelto la città di Catania per celebrare, il 29 settembre prossimo, la festa del Santo patrono.

I segretari provinciali generali dei sindacati SIULP Maurizio Ferrara e UGL-POLIZIAdiSTATO Giuseppe Sottile, hanno dichiarato: “Noi non abbiamo preclusioni verso i festeggiamenti religiosi. Parteciperemo, infatti, alla Santa Messa che si celebrerà in onore del Santo Patrono della Polizia di Stato. Siamo contro, invece, la parte pagana dei festeggiamenti perché fatta solo di banchetti, conditi da spettacoli canori e sfilate di personalità. Sarebbe meglio utilizzare questi soldi per la manutenzione dei veicoli guasti, per comprare le divise ai poliziotti, per pagare gli straordinari, per acquistare le apparecchiature necessarie per contrastare la criminalità organizzata, ecc. ecc….”.

“Cosa ne penserà il commerciante che vive con il terrore di subire l’ennesima rapina?  – si chiedono  – Cosa ne penserà quel genitore che ha visto il figlio picchiato da un gruppo di “balordi” mentre passeggiava per le vie principali di questa città? La comunità non può essere rassicurata annunciando festeggiamenti (preclusi ai tanti), oppure sbandierando che i reati sono in calo! Oggi più che mai abbiamo il bisogno di dimostrare che ogni singolo euro è investito per “PRODURRE SICUREZZA” e giammai “PER ORGANIZZARE FESTE”!

La cronaca quotidiana testimonia quanto i cittadini soffrano la condizione di insicurezza e precarietà. Le Forze dell’Ordine faticano a svolgere un controllo serrato di zone sempre più messe a dura prova dai reati predatori, che colpiscono le fasce più deboli della popolazione e i turisti che visitano le bellezze della nostra terra. Sono innumerevoli le richieste di aiuto che giungono al servizio telefonico “113” e, nonostante la celerità delle pattuglie nell’intervenire in tutte quelle situazioni critiche che sono segnalate, non si riesce a soddisfare appieno le esigenze delle collettività. Gli scippi, i furti negli esercizi commerciali e nelle abitazioni private sono cresciuti e i responsabili, purtroppo, riescono a farla franca! Oggi la sicurezza dei cittadini grava tutta “sulle spalle” di quegli uomini e quelle donne in divisa che fanno sacrifici enormi per tentare di arginare la deriva e salvare il salvabile.

Per questi motivi – concludono –  è sconfortante vedere i nostri vertici ed i nostri governanti, ancora una volta, autocelebrarsi organizzando “feste d’élite, con passerelle per pochi” mentre continuano a chiedere sacrifici ai cittadini, ignorando i loro bisogni, le loro le esigenze e le richieste di maggiore controllo del territorio.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button