fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Fermato rapinatore seriale di gioiellerie – il VIDEO delle rapine

Personale della Polizia di Stato, il decorso 5 dicembre, ha posto in stato di fermo di indiziato di delitto Muntone Dario Giuseppe, (cl.1985), in esecuzione a decreto, emesso nella stessa data dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, in quanto gravemente indiziato dei reati di rapine plurime pluriaggravate e sequestro di persona.

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=2ioUtRaQVq8&feature=youtu.be” width=”500″ height=”300″]

Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica e condotte dalla Sezione Reati contro il Patrimonio – Squadra Antirapine hanno permesso di acquisire univoci e concordanti indizi di reità a carico del Muntone in ordine ai sottonotati fatti reato:

  • rapina aggravata perpetrata il 25 febbraio 2015, in concorso con altri, ai danni di una nota gioielleria del centro cittadino;
  • rapina aggravata commessa in data 25 giugno 2015 ai danni di altra gioielleria sita all’interno di un centro commerciale di Riposto (CT);
  • sequestro di persona a scopo di estorsione, commesso il decorso 7 settembre, ai danni del direttore di filiale di un istituto di credito di Catania, costretto a salire a bordo di un’autovettura e rilasciato dopo il pagamento della somma di 60.000.00 (sessantamila) euro prelevata da un dipendente del citato istituto bancario.

In occasione delle rapine alle gioiellerie Muntone, sotto la minaccia di una pistola semiautomatica asportava gioielli ed orologi, in particolare a Catania 93 orologi e diversi oggetti preziosi dal valore complessivo di circa 1.500.000,00 (un milione e cinquecentomila) euro mentre a Riposto gioielli quantificati in 250.000,00 euro.

Le investigazioni, condotte senza soluzione di continuità, nell’arco temporale ricompreso tra i tre episodi delittuosi, hanno permesso agli operatori di addivenire dapprima all’individuazione di un soggetto che a vario titolo aveva partecipato a tutti i reati di cui si tratta e successivamente alla sua identificazione resa particolarmente complessa dal suo status di incensurato.

Il GIP del Tribunale, in sede di convalida del fermo, ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button